Home
Tu sei qui: Home » Ethos » A de Magistris non va bene nemmeno Renzi: troppo liberista

A de Magistris non va bene nemmeno Renzi: troppo liberista

A de Magistris non va bene nemmeno Renzi: troppo liberista

Nel programma di Matteo Renzi «Ci sono tratti di innovazione, dato che è un giovane ed è un fatto positivo, ma anche molti tratti di continuità con le politiche liberiste»: così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, sulla candidatura del sindaco di Firenze alle primarie del Pd. «Non dimentichiamo che tra Marchionne e gli operai di Pomigliano disse di stare con Marchionne, e non mi pare un cambiamento rispetto a quanto visto negli ultimi anni – ha detto il sindaco di Napoli. – Il fatto che Berlusconi parli bene di Renzi non mi appassiona molto, bisogna pensare a costruire un’alternativa alle politiche che sono state messe in atto in questi anni». De Magistris fa un esempio citando il referendum sull’articolo 18, che, a suo dire, va nella direzione di una «discontinuità con le politiche liberiste e dei poteri forti». Sulla legge elettorale de Magistris chiarisce: «Ci vuole una legge elettorale chiara, sul modello di quella prevista per l’elezione dei sindaci in cui il cittadino decide realmente chi lo governerà»: così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che mette in guardia da quello che chiama «il rischio di grandi ammucchiate». Un rischio che, dice, «si potrebbe ripresentare anche nella prossima primavera: non è detto che la grande ammucchiata che c’è ora in Parlamento tramonti con le prossime elezioni». «Da quello che vedo e leggo le bozze di legge elettorale che circolano non consentirebbero ai cittadini di sapere chi governerà e chi sarà il premier, con alleanze elettorali che non raggiungeranno la maggioranza e il rischio che le maggioranze di governo si decidano nei soliti palazzi, nelle solite segreterie, nei soliti luoghi dei vari poteri forti» ha concluso il sindaco.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto