Dom. Lug 21st, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Addio a Rambaldi, l’indimenticabile papà di E.T.

1 min read
E' morto a Lamezia Terme Carlo Rambaldi, il papà di E.T. Rambaldi era stato premio Oscar per tre volte per i migliori effetti speciali: nel 1976 con King Kong (di John Guillermin), nel 1979 con Alien (di Ridley Scott) e nel 1982 per E.T., famosissimo film diretto da Steven Spielberg. Originario di Vigarano Mainarda, in provincia di Ferrara, Rambaldi, aveva ottantasei anni e viveva da dieci anni a Lamezia Terme, dove si è spento. Il mago degli effetti speciali era profondamente legato alla Calabria in quanto la moglie ha origini crotonesi.

È morto a Lamezia Terme Carlo Rambaldi, il papà di E.T.
Rambaldi era stato premio Oscar per tre volte per i migliori effetti speciali: nel 1976 con King Kong (di John Guillermin), nel 1979 con Alien (di Ridley Scott) e nel 1982 per E.T., famosissimo film diretto da Steven Spielberg (in basso un frammento estratto da You Tube).
Originario di Vigarano Mainarda, in provincia di Ferrara, Rambaldi, aveva ottantasei anni e viveva da dieci anni a Lamezia Terme, dove si è spento.
Il mago degli effetti speciali era profondamente legato alla Calabria in quanto la moglie ha origini crotonesi.
Laureato all’Accademia di Belle Arti di Bologna, Rambaldi comincia a frequentare gli ambienti cinematografici italiani nel 1956, quando realizza il drago Fafner per il film “Sigfrido” diretto da Giacomo Gentilomo.
Il lavoro di Rambaldi in Italia continua per registi famosi, quali Mario Monicelli, Marco Ferreri, Pierpaolo Pasolini e Dario Argento.
Per quest’ultimo contribuisce, in particolare, alla realizzazione degli effetti speciali di “Profondo Rosso” nel 1975. Nello stesso anno Rambaldi viene invitato da Dino De Laurentiis sul set del remake di un film del 1933, King Kong. In quell’anno la creatività italiana rappresentata da Rambaldi sbarca a Hollywood. Negli anni trascorsi in America ha creato personaggi indimenticabili che sono entrate a far parte dell’immaginario collettivo come icone del nostro tempo, unendo gli alti budget offerti dai produttori statunitensi alla sapienza artigianale italiana.
[divide style=”3″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *