Addio magianastri. E sui social network malinconia a mille

Addio magianastri. E sui social network malinconia a mille

Il 2013 segna la fine di un’epoca, quella dei mangianastri. 
La Sony ha comunicato ufficialmente che a partire dal prossimo anno interromperà la produzione degli ultimi dispositivi ancora in commercio. L’annuncio segna di fatto la fine dell’era dei registratori a cassette, visto che gli altri colossi del settore hanno interrotto già da qualche tempo la produzione dei mangianastri, o mangiacassette che dir si voglia.
Vale la pena ricordare che appena due anni fa la stessa Sony aveva annunciato la fine delle produzione dei walkman.
L’era delle cassette nel mercato dei consumatori era finita oramai da un pezzo, già dall’avvento dei cd sul mercato. Evidente che oggi non sia più conveniente per i produttori continuare a realizzare attrezzi tecnologici compatibili con questo formato.
I mangianastri sono entrati nella vita di ognuno di noi e la notizia della loro imminente scomparsa, nell’era dei social media, ha fatto rapidamente il giro del mondo, scatenando una vera e propria ondata di nostalgia.
Compagno di un numero spropositato di studenti universitari e di infiniti pomeriggi passati a sbobinare le lezioni, amico numero uno del giornalista alle prese con interviste importanti o semplice compagno di viaggio con la musica preferita sparata a tutto volume nelle orecchie… Il mangianastri ha indubbiamente segnato un’epoca: il periodo in cui le canzoni si registravano mentre passavano alla radio anziché scaricarle da internet, quando Youtube sembrava fantascienza, e quando spesso la cassetta restava incastrata nel mangianastri e non restava altro da fare che tirarla fuori e arrotolare il nastro facendo girare la penna in una delle due rotelle.
A quanto pare, la Sony continuerà a produrre ancora per qualche mese gli stereo portatili con registratore a cassetta. Con la morte definitiva dell’hardware, però, difficile pensare di ascoltare le vecchie cassette che ognuno di noi ha deposto in uno scatolone in soffitta.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *