Agro.org, la rete di protezione sociale presenta i risultati del progetto

Agro.org, la rete di protezione sociale presenta i risultati del progetto
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]
volontariatoSi terrà il prossimo lunedì 20 gennaio 2014 alle ore 18.30 a Pagani, presso la sede dell’associazione Papa Charlie, in Via Filettine, 50 l’evento finale dell’iniziativa Agro.org- Rete di protezione sociale.
Il progetto, durato più di un anno, ha visto la realizzazione di una serie di azioni e attività destinate a rafforzare la rete sociale del territorio dell’Agro. Nello specifico è stata attivata una sala operativa con numero verde che raccogliere e fornisce informazioni utili in risposta ai bisogni sociali che con difficoltà si riescono a reperire in modo immediato. Allo stesso tempo sono state avviate diverse azioni, alcune destinate alla formazione dei volontari delle organizzazioni e altre per migliorare la rete di prossimità tra associazioni, cittadini e persone che vivono in difficoltà. Proprio per questo è stato sviluppato un servizio di raccolta e consegna di presidi sanitari, in comodato d’uso, spesso abbandonati in soffitta e in cantina che possono essere facilmente riutilizzati.
In estate, tra luglio e agosto, sono stati realizzati due campi di protezione civile, a carattere residenziale, per 50 ragazzi diretti a favorire la presenza delle giovani generazioni alla pratica del volontariato, del soccorso e della solidarietà civile. I ragazzi sono stati impegnati in attività didattico – formative dirette a conoscere da vicino la macchina e le attività della Protezione Civile.
Realizzato poi un rapporto di ricerca dal titolo: “Gli Immigrati di seconda generazione: profilo socio- biografico, comportamenti, opinioni.” L’indagine curata dalla Dott.ssa Lucia Coppola, ricercatrice presso il Dipartimento di Scienze politiche, sociali e della comunicazione dell’Università di Salerno, ha visto la raccolta di 102 questionari nelle scuole secondarie di primo grado dell’Agro. Il lavoro ha realizzato una prima fotografia della presenza migratoria dei bambini presenti sul territorio locale.
Presenti all’evento oltre alle associazioni componenti della partnership, Franco Casillo, presidente dell’Associazione Porta Aperta, Michele Pepe, Presidente della Papa Charlie e la ricercatrice Lucia Coppola. Durante l’incontro sarà illustrato l’opuscolo che racchiude tutte le attività poste in campo durante il progetto.
Il progetto Agro.org, sostenuto da Fondazione con il Sud nell’ambito dell’azione Reti di Volontariato, è realizzato da una partnership di undici organizzazioni di volontariato dell’Agro- Nocerino Sarnese con organizzazione capofila l’associazione Porta Aperta Onlus in rete con APC Papa Charlie di Pagani, PA Corbara, PC Capo Verde di S. Marzano sul Sarno, I Sarrastri di Sarno, APC San Lorenzo di S. Egidio del Monte Albino, APA Gruppo Pegaso di San Valentino Torio, Segnali di Vita di Roccapiemonte, PA Millenium Amalfi, PA Croce Azzurra di Siano, PA Il Castello- Angri. Collabora alle attività la Cooperativa Sociale L’Alveare.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *