Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Ai Giochi Olimpici è la Campania il baluardo sportivo d’Italia

Ai Giochi Olimpici è la Campania il baluardo sportivo d’Italia

Ai Giochi Olimpici è la Campania il baluardo sportivo d’Italia
di Caterina La Bella

Dante Boninfante

Non ci sarà Antonietta Di Martino, la saltatrice di Cava dei Tirreni, medaglia d’argento ai mondiali indoor di Istanbul. Non ci sarà nemmeno Giampiero Pastore, schermidore di Fisciano (SA) pluridecorato. Eppure la truppa di campani alle Olimpiadi di Londra sarà piuttosto nutrita. Una notizia positive che tra le tante (negative) fa sorridere e tifare. A pochissime ore dall’esordio degli italiani a Londra (la cerimonia d’apertura dei Giochi va in scena venerdì sera, ma da stasera è già Olimpiade con le donne del calcio che scendono in campo), la Campania resta una dei “baluardi” sportivi d’Italia, quarta tra le regioni italiane quanto a numero di qualificati ai Giochi Olimpici, con 22 atleti, di cui 12 di Napoli, 8 di Caserta e appena uno per Salerno (il pallavolista Dante Boninfante da Battipaglia, dida) e Benevento (la nuotatrice Stefania Pirozzi). Sono lontane dalla Campania la Lombardia (a quota 48 atleti), il Lazio (37) e la Toscana (28) ma riesce a far meglio di Liguria e Veneto (rispettivamente 19 atleti), Emilia Romagna (18), Sicilia (15), Trentino (12), Marche e Piemonte (11). Il vero problema riguarda le infrastrutture. Lombardia, Lazio, Toscana hanno si un numero più alto di atleti qualificati ma possono vantare palazzetti, società, strutture sportive all’avanguardia. La Campania vive i soliti (noti) problemi legati ad una impiantistica vetusta e i risultati rappresentano già un miracolo di società, spesso piccole, che riescono a portare i propri atleti sul tetto del mondo. La Campania resta regione leader nel pugilato con cinque atleti sui sette qualificati a Londra e nel judo con tre atleti su quattro qualificati. Presenze anche nel tiro a volo, pallanuoto femminile, tiro a segno, nello storico canottaggio. Questi gli atleti campani qualificati: per la provincia di Napoli Caianiello e Paonessa (canottaggio), Giordano (tiro a segno), Sarmiento (taekwondo), Picardi (pugilato), Del Core e De Gennaro (pallavolo), Marzocca, Tarantino e Occhiuzzi (scherma), Ciano (judo), Rolla (nuoto); per la provincia di Caserta: Russo, Valentino, Parrinello e Mangiacapre (pugilato), Verde e Faraldo (judo), Abbate (pallanuoto), Falco (tiro a volo); per la provincia di Salerno: Boninfante (pallavolo); per la provincia di Benevento: Pirozzi (nuoto).

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3646

Commenti (1)

  • adele menna

    Se la Campania è la regione d’Italia con più atleti alle Olimpiadi, non è affatto vera l’equazione secondo la quale l’assenza di struttura sportive determina la lontananza dei giovani dallo sport.

    Rispondi

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto