Lun. Ago 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

“Al mio Paese”, un libro per quei sette vizi italiani

1 min read
“Al mio Paese – sette vizi. Una sola Italia” è il titolo di un libro scritto da autori campani che sarà presentato questo pomeriggio alle ore 17 presso la sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana a Roma. Il libro racconta, in stile narrativo e giornalistico, il nostro Paese attraverso i sette vizi capitali, con le loro infinite declinazioni nella vita pratica, culturale, storica e sociale, “un Paese multiplo e rovesciato, nel quale si specchiano le Italie della memoria e della cronaca”.
Fonte: cinetivu.com

“Al mio Paese – sette vizi. Una sola Italia” è il titolo di un libro scritto da autori campani che sarà presentato questo pomeriggio alle ore 17 presso la sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana a Roma.
Il libro racconta, in stile narrativo e giornalistico, il nostro Paese attraverso i sette vizi capitali, con le loro infinite declinazioni nella vita pratica, culturale, storica e sociale, “un Paese multiplo e rovesciato, nel quale si specchiano le Italie della memoria e della cronaca”.
Al mio Paese”, libro di Melania Petriello, è un viaggio inedito nelle storie italiane raccontato da nove giornalisti – Giuseppe Crimaldi, Tiziana Di Simone, Luciano Ghelfi, Luca Maurelli, Carlo Puca, Gianmaria Roberti, Fausta Speranza, Carlo Tarallo, Vanni Truppi – per Edimedia Edizioni. Il prologo e l’epilogo del libro sono a cura rispettivamente del giornalista Franco di Mare (foto) e dello storico Fabrizio Dal Passo.
La strade di Capaci, il Concilio Vaticano II, il delitto Paolini, il colera del ’73, il nuovo meridionalismo, le (euro)diatribe, la diaspora dei democristiani, la solitudine del potere, il Codice da Vinci e i vuoti di stato: questo e altro ancora nel volume che ha ispirato anche uno short film di Valerio Vestoso, vincitore del Vday 2012, e la piece teatrale con Sebastiano Nardone e la regia di Irma Immacolata Palazzo, per la stagione 2012/2013 al Teatro Eliseo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *