Al Trianon, Antonio Murro e i classici napoletani in jazz

Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]Antonio Murro-RAl Trianon, giovedì 4 aprile, alle 21, ritorna Antonio Murro con le canzoni del suo ultimo cd Napoli. Classics as Jazz.
Come suggerisce il titolo, Murro propone una rilettura in chiave jazzistica dei grandi classici della canzone napoletana, da Canzone appassiunata a Caruso, passando per Marechiare, Piscatore ’e Pusilleco, Napulitanata, ‘A vucchella, ‘A rumba d’ ‘e scugnizze, Era de maggio, ‘E spingule frangese, Maruzzella, ‘O surdato ‘nnammurato e Voce ‘e notte.
Sul palcoscenico, con Antonio Murro alla voce e chitarra, l’autore degli arrangiamenti Sergio Esposito al piano e tastiere, Vittorio Riva alla batteria, Pasquale De Angelis al basso e Carlo Fimiani alla chitarra.
Il disco, prodotto da Azzurro service, intende confrontarsi con il mercato internazionale. Spiega il produttore Eduardo de Bury: «Vogliamo esportare all’estero i classici della canzone napoletana in questa “veste” più internazionale che mantiene però inalterate la passione che li innerva e il profumo della tradizione: di qui il titolo scelto in inglese».
Antonio Murro si scopre chitarrista, all’età di quattro anni, per imitare il papà. Dopo lo studio del suo strumento sotto la guida di Maurizio Pica, ben presto si accorge della sua naturale propensione per il canto e intraprende il percorso professionale che lo porta a collaborare con grandi maestri della scena teatrale e musicale, forte di una notevole duttilità artistica: tra questi Eduardo De Filippo – nel ruolo di Ariele nella riduzione in napoletano del grande commediografo de La tempesta di Shakespeare –, Roberto De Simone, Garinei&Giovannini, Bruno Garofalo, Armando Pugliese, Tato Russo e Peppe Vessicchio. Nei suoi concerti ama attraversare i “generi” interpretando arie d’opera, evergreen americani, musica popolare e canzoni classiche napoletane.
Biglietti numerati in vendita anche nelle prevendite abituali, nonché online sul sito del teatro teatrotrianon.org.
Il botteghino del Trianon è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 13:30 e dalle 16 alle 19 (la domenica, l’apertura pomeridiana è dalle 17 alle 19). Per informazioni: tel. 081-225 82 85. Il teatro è climatizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *