Mar. Lug 23rd, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Al vertice i soliti noti: Povera Italia, povera a nuie

2 min read
“Dialoghetto semiserio” di Pasquale De Cristofaro
di Pasquale De Cristofaro

– Per Capodanno, spaghetti mare o monti?
– Allo scoglio, allo scoglio; simme troppo scoglionat’. “ Mo’ vene Natale nun tengo denare ….”
– A chi ‘o dice, ho pagato l’IMU, ho pagato l’acconto Iva sul 2013, mia moglie non ha voluto rinunciare alla neve, e mo’ me trovo senza manco ‘nu centesimo.
– Intanto è tornato Berly, mia suocera ha detto che uomini comme a lui oramai in Italia si contano sulle dita di una mano. Essa ‘o vota sicuro; ha detto che è l’unico che fa sentì ‘e femmene veramente femmene…
– Peppì, ma tua suocera nun ha perse tutte ‘e dete della mano sinistra l’anno scorso cu’ ‘na botta proprio a Natale? Eppure tua suocera dice buono, niente meno, Berlusca s’è fidanzato cu ‘na guagliona ‘e Napoli che tene quarantanove anne mancante?
– Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Ma là, altro che viagras e cialis, là ‘a chirurgia plastica ha fatto ‘o miracolo, siente a me. Intanto ‘a signurina ha fatto ‘a furtuna soia, ha vinciuto ‘nu bell’ terno ‘o banco lotto.
– A nuie, invece, avete ca’ terno, a nuie ci aspetta ancora un anno di sacrifici: lacrime e sangue.
– ‘E sacrifici l’avimme fa sule nuie, però, loro niente … Loro, continuano a s’abbuffà. Niente meno hanno tenuto un anno pe’ fa ‘a legge elettorale e manco chella so’ state cazze e fa?
– Povera Italia. Povera a nuie che fra qualche mese ce li ritroveremo tutti ai posti di comando comme si niente fosse succieso. Berlusca, Casini, Bersani, Rosy Bindi, Amato … Fosse a me ‘e mannasse tutte ‘a faticà all’Ilva di Taranto annaze all’altoforno senza mascherina.
– Dice buono. Io, all’urdeme ‘e l’anno e menasse tutte quante abbascio pa’ fenesta insieme a mia suocera.
– Basta mo’ cu’ sti lamiente. Moderammoci ‘nu poco. Ovvì, oggi tutti vogliono essere moderati. Al centro, al centro … Ma sta ‘ggente ‘o sape che al centro ce sta ‘nu traffico che fa paura?
– Moderati, moderati … Siente a me, stappa ‘a butteglie e dì’ ‘o criature ‘e dicere a poesia ‘e Natale. M’arraccumanne però, moderatamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *