Alec, un anno di solidarietà

Alec, un anno di solidarietà


Schermata 2015-12-29 alle 18.25.23

COMUNICATO STAMPA-BILANCIO ASSOCIAZIONE ALEC 2014
Il presidente dell’Associazione Alec, Alfonso Angrisani, ha illustrato alla stampa presente gli obbiettivi raggiunti nell’anno sociale 2014 da parte dell’Associazione Lavoratori Extracomunitari e Comunitari. Numerose sono state le iniziative che si sono tenute nel territorio, diversi i contatti che si sono registrati in questo anno sociale; trattasi di una serie di attività che hanno tenuto in considerazione le problematiche dei bambini disagiati, dei lavoratori del comparto domestico (ovvero colf e badanti, che in Italia raggiungono quota un milione), degli anziani (che vivono la solitudine tra le mura domestiche), degli invalidi civili parziali (che sopravvivono con una pensione da fame), delle ragazze madri (costrette a vivere con un sussidio irrisorio): tutte categorie oggi giorno dimenticate dal legislatore Nazionale e Locale e per le quali l’associazione ha lavorato tutti i mesi dell’anno con assoluta costanza e professionalità. Si ricordano le tappe più significative raggiunte nel corso del 2014: la festa dei bambini di Carnevale che si è svolta a Napoli presso il teatrino parrocchiale della Chiesa Nostra Signora di Lourdes; gli anziani in rete, dove si è provveduto ad organizzare serate di intrattenimento musicale e culturale per gli invalidi immobilizzati a casa; il corso di specializzazione di lavoro intitolato: “Lavoro verso quale futuro”, che si è svolto in collaborazione dell’Associazione Paideia e l’associazione Mondo Immigrati di Crotone; la presentazione del libro “Vivian, il destino di una vampira” della giovane autrice Maria Dotto; la presentazione dei quattro anni di attività; la realizzazione di uno spazio denominato Punto Alec aperto a tutti per dare sostegno ed ascolto ai lavoratori alle comunità di immigrati e alle famiglie; l’attivazione dei tre sportelli territoriali a Napoli, Salerno e Sarno, dove a cadenza settimanale molte categorie potranno usufruire di alcuni servizi a titolo gratuito; la realizzazione di uno sportello telematico previdenziale dove da ogni parte di Italia e comodamente dal proprio pc o dal proprio smartphone i cittadini potranno chiedere chiarimenti ed informazioni varie su alcune problematiche riguardante il diritto del lavoro e diritto previdenziale; la seconda edizione dei Bambini in Festa che si è svolta il 15 Novembre; la visita agli orfanotrofi della Repubblica Dominicana a Giugno; la prima Edizione “Natale in festa dona un sorriso ad un bambino ed un anziano”, che si è tenuta il giorno di Santo Stefano a Napoli, iniziativa realizzata e promossa assieme alla Base Condor, Ami e Guardie Ambientali; la richiesta di una nuova sanatoria per le colf e badanti proposta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; una serie di iniziative a favore della Badante Condominiale, che si svolgeranno a partire dal prossimo Anno attraverso un corso e l’istituzione di un albo. “Il nostro lavoro è stato frutto di un gioco di squadra”, ha dichiarato il presidente Alec Alfonso Angrisani, “dove assieme ad altri enti abbiamo condiviso progetti, lavoro e abbiamo ottenuto i risultati che ci eravamo prefissati. Un ringraziamento particolare lo esprimo alla Base Condor di Napoli, nelle persone del presidente Antonio Spagna e della signora Bianca Maria Montuori, che hanno offerto la possibilità concreta di usufruire di uno spazio per tutti e di condividere il lavoro per la collettività. Ringrazio anche Amarilis Andrean Fabiano Laureano, presidente dell’Ami di Crotone, la dottoressa Lucia Memoli, già console dell’Honduras, la grande famiglia del Sisaf di Salerno, l’Associazione “La Ruota” nella persona del presidente Dottor Enzo Carrella, la presidenza regionale del Mcl, la rete dei giovani per Salerno, in particolare Luigi Bisogno e Gianluca De Martino, l’autore della piattaforma Geecom Andrea Pastore, la Chiesa Ns di Lourdes nella persona del parroco Vincenzo Ruggiero e tutti coloro che hanno condiviso il nostro percorso. Un particolare merito voglio darlo alle signore Zeneida Sierra e Maria Teresa Pepe, rispettivamente segretario e responsabile della Comunicazione dell’Alec: senza il loro lavoro quotidiano e certosino non avremmo potuto raggiungere i risultati sperati”.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *