Alfano ha già paura di Berlusconi: Se si candida ripensare primarie

Alfano ha già paura di Berlusconi: Se si candida ripensare primarie


«Le primarie hanno senso solo se non si candida il presidente Berlusconi, se il presidente Berlusconi si candida occorre ripensare tutto». Lo ha detto il segretario del Pdl Angelino Alfano intervistato dalla Rai durante la sua visita in Sardegna, a proposito anche dell’uscita di oggi del Cavaliere. L’ex premier infatti aveva detto: «Il Pdl ha subito una decadenza di immagini e di risultati anche per il semplice motivo che non ci sono stato», parlando con i cronisti a Milanello, dove si è recato per incontrare la squadra del Milan. «Noi stiamo vedendo che la gente è molto delusa dalla politica, dai politici e da questi partiti. Io mi sono tirato indietro perché il signor Casini – ha spiegato l’ex premier – aveva detto “se Berlusconi non c’è io posso essere parte della coalizione dei moderati di centrodestra”. Io mi sono tirato indietro una volta da segretario del Pdl – ha proseguito Berlusconi – un’altra volta dal governo, un’altra volta addirittura da candidato alla presidenza del Consiglio. Il signor Casini manca di parola, non ha fatto una piega. E allora questa situazione la stiamo ripensando e vediamo se non è il caso, dato che credo di capire più di qualsiasi altro in Italia quello che c’è stato e quello che si deve fare, di utilizzare la mia esperienza in maniera concreta». Queste parole potrebbero significare che Silvio Berlusconi sta riflettendo sull’opportunità di riprendere l’impegno diretto in politica. A chi gli ha chiesto se pensa di tornare in campo, l’ex premier ha replicato: «Vediamo, ci sto pensando». Ma la vera e propria rivelazione la fa il patron del Palermo Calcio Maurizio Zamparini che oggi ha rivelato che il Cavaliere starebbe pensando addirittura a fondare “un partito nuovo”. E’ lo stesso presidente del Palermo e fondatore del Movimento per la Gente, a raccontarlo ai microfoni di “Radio radio”. «Ieri sera – dice – ero all’aeroporto di Ciampino quando scende dalla macchina e mi viene a salutare Silvio Berlusconi. Io gli ho fatto i complimenti per il Milan e lui mi fa “Lo sai che io, a settantacinque anni, torno in politica e fondo un partito nuovo”. Sono rimasto senza fiato. Torna direttamente con il nuovo partito, qualcosa sui giornali già c’è scritto. Era felice di annunciarlo perché era felice di fare un partito nuovo», commenta Zamparini, che domani a Roma terrà la manifestazione del suo movimento.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *