Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Alta tensione a Pomigliano, gli operai lanciano uova

Alta tensione a Pomigliano, gli operai lanciano uova

Alta tensione a Pomigliano, gli operai lanciano uova

Lanci di uova contro la sede della Uilm di Pomigliano d’Arco (Napoli) da parte di alcuni cassintegrati della Fiat che da questa mattina stanno manifestando in città. I manifestanti, circa un centinaio, avevano cercato di entrare nella sede del sindacato presidiato dalle forze dell’ordine. Successivamente si sono fermati davanti alla sede e da parte di alcuni manifestanti è stato effettuato il lancio di uova. I lavoratori cassintegrati della Fiat di Pomigliano d’Arco si sono recati davanti al Municipio per chiedere un incontro con il sindaco Lello Russo. La decisione è stata presa nel corso di un’assemblea della Fiom a palazzo Orologio alla quale hanno partecipato Michele De palma, della segreteria nazionale, e Andrea Amendola, segretario provinciale. Gli operai hanno contestato anche l’ex sindaco Michele Caiazzo, presente all’assemblea. Dopo aver lasciato la sede della Uilm, dove appunto c’è stato il lancio d’uova, i cassintegrati di Pomigliano d’Arco si sono posti anche al centro dell’incrocio tra via Roma e via Alfa impedendo alle auto di circolare. Sul posto si sono recati anche i carabinieri e gli uomini della polizia. Viale Alfa prende il nome dal vecchio stabilimento Fiat ed è la strada che perchè porta all’area industriale di Pomigliano dove si trova lo stabilimento. L’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, oggi, in un’intervista a Repubblica a chiarito che la Fiat non vuole lasciare l’Italia. «In questa situazione drammatica, io non ho parlato di esuberi, non ho proposto chiusure di stabilimenti, non ho mai detto che voglio andar via». «Non mollo. Mi impegno, ma non posso farlo da solo. Ci vuole un impegno dell’Italia». «Non sono l’uomo nero», ma «l’Italia dell’auto è precipitata in un buco di mercato senza precedenti», «abbiamo perso di colpo quarant’anni» e qualcuno «vorrebbe che la Fiat si comportasse tranquillamente come prima? O è un’imbecillità pensare a questo, o è una prepotenza, fuori dalla logica». Marchionne replica anche agli attacchi del patron della Tods’, Diego Della Valle. «Tutti parlano a cento all’ora, perchè la Fiat è un bersaglio grosso, più delle scarpe di alta qualità e alto prezzo che compravo anch’io fino a qualche tempo fa: adesso non più. Ci sarebbe da domandarsi chi ha dato la cattedra a molti maestri d’automobile improvvisati. Ma significherebbe starnazzare nel pollaio più provinciale che c’è. Fintanto che attaccano, nessun problema. Ma lascino stare la Fiat». L’amministratore delegato del Lingotto risponde anche alle critiche di Cesare Romiti: «Il mondo Fiat che abbiamo creato noi non è più» il suo. «E anche la parola cosmopolita non è una bestemmia». Il numero uno di Fiat si dice disponibile a incontrare il governo, «ma poi? Sopravvivere alla tempesta con l’aiuto di quella parte dell’azienda che va bene in America del Nord e del Sud, per sostenere l’Italia, mi pare sia un discorso strategico». «Fiat – osserva Marchionne – sta accumulando perdite per 700 milioni in Europa, e sta reggendo sui successi all’estero. Sono le due uniche cose che contano. Se vogliamo confrontarci dobbiamo partire da qui: non si scappa». Il progetto fabbrica Italia era basato «su cento cose, la metà non ci sono più. Io allora puntavo su un mercato che reggeva, ed è crollato, su una riforma del mercato del lavoro, e ho più di 70 cause della Fiom. Tutto è cambiato. E io non sono capace di far finta di niente. Anche perchè puoi nasconderli ma i nodi prima o poi vengono al pettine. Ecco siamo in quel momento. Io indico i nodi: parliamone». Chi «se la sentirebbe di investire in un mercato tramortito dalla crisi, se avesse la certezza non soltanto di non guadagnare un euro – aggiunge Marchionne – ma addirittura di non recuperare i soldi investiti? Con nuovi modelli lanciati oggi spareremmo nell’acqua: un bel risultato». E spiega: «Se io avessi lanciato adesso dei nuovi modelli avrebbero fatto la stessa fine della nuova Panda di Pomigliano: la miglior Panda nella storia, 800 milioni di investimento, e il mercato non la prende, perchè il mercato non c’è». Le prospettive per le vendite – afferma Marchionne – non sono buone: «non vedo niente», nessun cambio di mercato «fino al 2014. Per questo investire nel 2012 sarebbe micidiale».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Commenti (1)

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto