Altro che ingresso gratis ai bimbi, sui lidi pagano tutti: ecco quanto

Altro che ingresso gratis ai bimbi, sui lidi pagano tutti: ecco quanto

Dalla Costiera amalfitana a Pontecagnano passando per Salerno. I balneatori insistono: nonostante la legge che impone l’ingresso gratuito agli under 12, senza soldi negli stabilimenti balneari non si passa. Si “salvano” solo i neonati (e ci mancherebbe). L’appello del presidente della regione Campania, Stefano Caldoro, è caduto nel vuoto. La nostra famigliola di Confronti (due adulti e due bambini di 2 e 4 anni) è andata in giro per  lidi. E vedete il risultato.     A Salerno città non va bene. Tra i pochi che rispettano (ma a modo loro) l’ordinanza della Regione Campania sono la Baia (gratuiti i bimbi fino a dieci anni) e l’Arcobalenò di Lungomare Marconi (dove i bimbi non pagano ma “dipende dall’età”). Al Lido La Conchiglia di Lungomare Tafuri (il tariffario è on line), ci sono “agevolazioni stagionali” (?!?) per bambini 4 – 10 anni (non ancora compiuti al 1º Giugno 2012) che variano dai 150 ai 180 a seconda dell’utilizzo della cabina o gratuiti se in cabina coi genitori. Il discorso cambia per gli ingressi giornalieri perché i ragazzi dai 4 ai 10 anni pagano 10 euro dal lunedì al sabato e 13 la domenica. Anche qui ordinanza non rispettata. Al Lido Colombo di Lungomare Marconi, gli adulti pagano 13 euro tra sdraio e ombrellone, i bimbi a discrezione della direzione. Allo Scoglio 24, 9 euro al giorno per gli adulti, biglietto ridotto del 50 per cento per i ragazzi fino a dieci anni. Si paga anche al Lido 2B, ridotto, dai 4 anni in su. Tesserini a pagamento anche per il Kursaal: per gli adulti 390, per i bambini oltre i 3 anni 310 euro e fino a 12 anni 350. L’ingresso giornaliero per i feriali costa 13 euro per i più grandi e 10 euro dai 3 ai 12 anni. Nel fine settimana (sab e dom) 15 euro per gli adulti e bambini sempre 10. Ma il colmo è la Piscina Vigor, sul litorale sud di Salerno, struttura gestita dalla municipalizzata Salerno Solidale. Una struttura per famiglie, ripete all’infinito la pubblicità, peccato che i bambini siano gratuiti solo fino a 3 anni con accompagnatore pagante e un massimo di due 2 bambini per accompagnatore). Ridotti gli under 12. Alla faccia del lido per famiglie! A Vietri sul Mare, idem come sopra. Il Risorgimento rispetta la legge (ma solo per i bambini fino a dieci anni), al Calypso, i bimbi entrano gratis fino a 18 mesi (e ci mancherebbe, camminano a malapena…) mentre fino a 12 anni lo sconto è di “circa il 60% senza però lettino nè sdraio. Quindi devono sedersi sulla battigia.  Anche a Pontecagnano, la normativa sull’ingresso libero nei lidi balneari, viene applicata a macchia di leopardo ma di quelli che di macchie ne hanno piccole e rare. Ecco quanto costa una giornata al mare ad una famiglia tipo, formata da due adulti e un bambino, comprensiva di ingresso, ombrellone e due lettini. Al lido “Quadrifoglio” l’ingresso per un adulto e di 3 euro, per un bambino al di sopra dei due anni si 2 euro. A parte il costo dell’ombrellone, 5 euro nei giorni feriali e 6 nei prefestivi e festivi, mente servono altri 2 euro per il lettino, che diventano 4 il sabato e la domenica. In pratica nel corso della settimana la famiglia presa in considerazione spenderebbe per una giornata al mare 17 euro, che il sabato e la domenica aumenterebbero fino a 22 euro. “Isla Bonita” osserva invece la normativa della regione Campania non facendo pagare l’ingresso agli under 12. Gli adulti, fino a luglio, pagano per accedere alla spiaggia 3 euro (lettino compreso) che diventano 5 nel corso del weekend. Il costo dell’ombrellone, invece,  è fermo per tutta la settimana a 5 euro. La nostra famiglia modello spenderebbe quindi dagli 11 ai 15 euro. Bizzarra l’applicazione della normativa al “Lido Acapulco” dove non pagano l’accesso solo i bimbi fino a 4 anni di età. Il resto dell’utenza l’ingresso costa 10 euro, comprensivi di ombrellone, lettini e spogliatoio. Una famiglia tipo spende così fino a 30 euro al giorno. Il “Lido Margherita” aggira la questione della differenziazione d’età offendo ingressi a “postazione”: con 15 euro si ha diritto ad un ombrellone e due lettini dei quali possono usufruire fino a quattro o cinque persone. Tale somma quindi consentirebbe a due adulti e un bambino di usufruire di tutti i servizi previsti. Lo stesso sistema ma con prezzi differenti, viene applicato dal “Lido Azzurro”: con 8 euro si ha diritto ad un ombrellone e ad un lettino. Se si desidera una sdraio in più basta aggiungere alla somma base altri 3 euro. La nostra famiglia tipo spenderebbe per un ingresso giornaliero più i servizi, 11 euro. Allora rigiriamo la domanda alla Regione Campania. Se la legge c’è ma pochi (quasi nessuno) la osservano, non sarebbe il caso di intervenire?

Caterina La Bella
Francesco Carriero

redazioneIconfronti

6 pensieri su “Altro che ingresso gratis ai bimbi, sui lidi pagano tutti: ecco quanto

  1. LIDO ARCOBALENO, 10€ PER SCENDERE SULLA SPIAGGIA,PESSIMA ACCOGLIENZA LA TITOLARE DA SUBITO SI E’ RIVELATA MOLTO SGARBATA ED ARROGANTE, LA PISCINA??? O PSEUDO TALE, MANTENUTA MALE, ACQUA TORBIDA E MALEODORANTE, ASSOLUTAMENTE DA NON FREQUENTARE.

  2. E uno schifo infatti ieri i lidi erano mezzi vuoti e le spiagge libere super affollate……..
    e nn è giusto che x una famiglia come la nostra con due bimbi nn si puo usufruire di confort x costa troppo

  3. Sarei curiosa di sapere anche come procede l’applicazione della normativa in Costiera amalfitana…Per quanto riguarda Salerno e Pontecagnano, chissà, magari siete riusciti a dare l’input per far smuovere qualcosa! Teneteci aggiornati! 😉

  4. E, da Vietri in poi, andando verso la Costiera Amalfitana, quanto costa un bagno, considerato il parcheggio per diverse ore? E’ vietato, altro che incoraggiare il turismo.

  5. I bagni, per chi, come me, ha due figli piccoli, sono vietati. Ogni giorno, per andare al mare, dovrei pagare minimo 20 euro. Vi sembra giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *