Anche in Italia si profila l’intesa tra editori e Google

«La strada dell’intesa conviene a tutti». Con queste parole il presidente della Fieg Giulio Anselmi commenta la notizia dell’accordo raggiunto in Belgio tra Google e gli editori di lingua francese. L’intesa ha risolto una querelle lunga anni, riuscendo a sintetizzare un punto di incontro tra le richieste degli editori e quelle di Google.
Della questione della tutela del diritto d’autore on line e dello sfruttamento da parte di aggregatori di notizie dei contenuti dei giornali si parla da molto anche in Italia. Nella giornata di ieri, il presidente Fieg ha commentato la notizia dell’accordo belga, specificando che comunque «devono esserci le condizioni per sedersi al tavolo delle trattative».
L’accordo «di cui non sono stati divulgati i contenuti commerciali e che viene analizzato dagli editori italiani con prudenza, ma anche con grande attenzione. L’intesa raggiunta – ha spiegato Anselmi – chiude una lunga e complessa vertenza giudiziaria, avviata sei anni da Copiepresse, associazione degli editori belgi di lingua francese, contro Google per violazione del diritto d’autore e che fino a oggi, sia nel primo grado di giudizio sia in appello, ha registrato due sentenze di condanna a carico del motore di ricerca».
Per il Presidente della Fieg, quella dell’accordo «è una buona notizia, segno di una possibile inversione di tendenza nei rapporti tra Google e gli editori europei. La via del negoziato diretto è sempre preferibile a quella del contenzioso giudiziario o della mediazione politica. E infatti, anche gli editori italiani, nel 2009, prima di decidere di presentare un esposto all’Antitrust avevano tentato di percorrerla in via prioritaria ma senza successo».
Poi l’invito esplicito: «L’auspicio è che i tempi siano finalmente maturi per una soluzione – negoziale, normativa o giudiziale – che sciolga il nodo dell’adeguata remunerazione dell’attività delle imprese che producono contenuti editoriali online, per lo sfruttamento economico delle proprie opere da parte di altri soggetti»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *