Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Andria: “Istituiamo la giornata nazionale della Dieta Mediterranea”

Andria: “Istituiamo la giornata nazionale della Dieta Mediterranea”

Andria: “Istituiamo la giornata nazionale della Dieta Mediterranea”
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

“Due anni fa, l’Unesco ha incluso la Dieta Mediterranea nella lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità, accogliendo la candidatura congiunta di Italia, Spagna, Grecia e Marocco. Era il 16 novembre del 2010 e il riconoscimento fu dedicato alla memoria di Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica. Vorremmo perciò che il 16 novembre di ogni anno sia celebrato come la Giornata nazionale della Dieta Mediterranea. Con il ddl, di cui sono primo firmatario, si intende dare una garanzia normativa ad un corretto modello nutrizionale per la tutela della salute pubblica, che é anche stile di vita e rappresenta un valore culturale e sociale da preservare e diffondere”.
Lo ha dichiarato il senatore del PD Alfonso Andria, Vicepresidente della Commissione Agricoltura del Senato, intervenendo oggi all’incontro sull’argomento presso il Ministero delle Politiche Agricole.
“É importante – ha aggiunto Andria – l’iniziativa assunta dal Ministro Catania con la Conferenza odierna, che rilancia la centralità del Ministero di cui é titolare nelle azioni tese alla valorizzazione e promozione della Dieta Mediterranea nel nostro Paese. Il senso del mio ddl é innanzitutto questo ed é necessaria un’opera di sensibilizzazione rivolta innanzitutto alla Scuola”.
Sono anche intervenuti l’On. Paolo Russo, Presidente della Commissione Agricoltura della Camera e il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dello IULM di Milano e Presidente della Commissione Nazionale Italiana dell’Unesco. Tra i numerosi partecipanti, oltre a diversi parlamentari della Camera e del Senato ed alla stampa, rappresentanti di Istituzioni nazionali e locali, del mondo associativo e delle categorie professionali interessate, il Sindaco di Pollica Stefano Pisani e il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Amilcare Troiano.
“Esiste uno stretto nesso – ha poi spiegato il parlamentare salernitano – fra la pratica alimentare e i valori socio-culturali che un territorio esprime. Da decenni, nel nostro Cilento, oggi per l’UNESCO Comunità Emblematica dell’Italia, é stato individuato un caso eccezionale ed esemplare non solo dal punto di vista alimentare che gli esperti hanno studiato sotto ogni suo aspetto.
Inoltre – ha messo in guardia il senatore Andria – occorre immediatamente porre al riparo il riconoscimento dell’Unesco da uno sfruttamento commerciale improprio e dannoso”.
“L’iter legislativo al Senato é a buon punto – ha concluso Alfonso Andria – auspicando che al piú presto si concluda per passare all’ esame della Camera e concludersi entro la fine della legislatura”.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3646

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto