Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Angela Celentano, un mistero dal Messico riapre il dolore

Angela Celentano, un mistero dal Messico riapre il dolore

Angela Celentano, un mistero dal Messico riapre il dolore

Clamorose novità sul caso di Angela Celentano, la bambina scomparsa sul Monte Faito il 10 agosto 1996 all’età di 3 anni. Oggi, a “I fatti vostri”, la trasmissione di RaiTre, Maria e Catello Celentano, i genitori di Angela, mostreranno in esclusiva una foto e alcune mail dall’America che potrebbero portare importanti rivelazioni sulla sorte della bambina. «Lei dice di essersi riconosciuta in quelle foto e in quella storia – ha detto la madre di Angela alla trasmissione di RaiTre ‘I Fatti Vostri’ – Ci ha scritto che lei sta bene ma che voleva rimanere lì». Da quel momento è iniziato uno scambio di email tra Rossana, la sorella di Angela Celentano e la ragazza. «Ho visto le foto molte volte e mi fanno sempre piangere, perché so che quella della foto sono io e non ti posso dire il mio vero nome ma vivo in Messico e sono felice dove sto – si legge nella prima email -. Non preoccupatevi per me nemmeno potrei tornare con voi, perché non potrei separarmi da questa famiglia che ho visto per dodici anni e quasi non ho più ricordi di voi, fino a che non ho visto le foto. Ma credetemi amo anche voi. Sono felice, non mi cercate più». Dopo pochi minuti, racconta Maria Celentano, «ci è arrivata una sua foto. Quando abbiamo visto questa foto è indescrivibile quello che abbiamo pensato», dice la madre aggiungendo che «ci sono molti punti di contatto con le elaborazioni di come potrebbe essere oggi la figlia». La prima mail da Celeste è arrivata due anni fa, esattamente il 25 maggio 2010. I Celentano hanno anche aggiunto che la pista «sembra verosimile» e tra «le più probabili» delle tantissime segnalazioni pervenute in queste anni. La ragazza scomparve 16 anni fa dal Monte Faito, a Napoli.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Commenti (1)

  • Maria Grazia Bonasi

    A me sembrano le foto di due persone differenti. Insomma, tutta la storia si presenta come una crudele mistificazione a danno di due poveri genitori disperati. Tra l’altro, se la persona che sostiene di essere Angela fa sapere ai suoi genitori di essere viva, non si comprende perché non sia poi interessata a ritrovarli, anche solo per conoscerli. Insomma: uno scherzo crudele, cinico e irresponsabile.

    Rispondi

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto