Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » MummyBook » Ansie, bilance e pagnottelle

Ansie, bilance e pagnottelle

Ansie, bilance e pagnottelle
di Nicoletta Tancredi

image

Buongiorno dottoressa, sa, è che mia figlia non cresce. O meglio non lo so se non cresce, ma di certo non mangia. Cioè io l’allatto, mica la lascio a pancia vuota. O almeno ci provo, ma lei niente. Fa poche poppate e lampo. Prima mangiava eh, eccome, ma adesso, adesso invece di mangiare dorme, sarà la debolezza! L’attenzione dei farmacisti, dopo il nostro ingresso in stile pronto soccorso, è tutta per me e Paola. Lei sorride, sbirciando visi curiosi dal suo porta-enfant. Io ho l’ansia a tremila. È paffutella, lo so, e nessuno mai la direbbe deperita. Ma io, che sono la mamma, certe cose le avverto prima che accadano. Insomma, se non intervengo subito, chissà quanto peso perderà e poi … Oddio! “Ma che carina” mi fa una signora. “Grazie” le rispondo seria. “E questa pagnottella?” sbuca un dottore da dietro a uno scaffale. Non vorrà mica prendermi in giro? Io sono preoccupata che non mi cresce e questo bell’imbusto la chiama “pagnottella”? Ma insomma! E senza considerare che a Paola potrebbe venire il complesso di essere grassa e in età adolescenziale tutto potrebbe degenerare in un disturbo dell’alimentazione e poi l’anoressia o la bulimia. Oh mio Dio! “Signora – mi fa con tono pacato la dottoressa – anche io ho una bambina poco più grande (vuole creare una certa complicità, lo so, e mi intenerisco pure, ma la sua bimba non avrà problemi del genere, la mia sì e poi l’ha detto lei stessa “poco più grande”, sicuramente quel “poco” è di cortesia: sua figlia avrà gli stessi mesi di Paola e sarà grande il doppio) Ora la pesiamo (ecco finalmente una proposta concreta, dopo tutte queste chiacchiere: mi hanno fatto una testa così)! Poi ritornerà lunedì prossimo. In una settimana, a quest’età, dovrà aver messo su 150 grammi”. Benissimo. Oh finalmente! Rincuorata esco dalla farmacia, con il pensiero fisso al lunedì successivo. E si sa quando si desidera una cosa, basta non pensarci che arriva subito. Io invece ci ho pensato eccome, appuntando orario e durata di tutte le poppate: in borsa ho un block-notes quasi pieno, cosicché se la crescita dovesse essere inferiore, potremmo studiare i dati per individuare il punto di falla. Ma ora, finalmente, eccomi di nuovo verso la farmacia. Ho vestito Paola esattamente come una settimana fa, così da non creare falsi grammi. Entriamo! Ci salutano con gran cordialità. La farmacia è vuota. Paola ed io siamo le uniche clienti. E metti pure che i bambini fanno tenerezza a tutti, i camici bianchi sono tutti attorno alla bilancia. “L’ho vestita uguale a lunedì scorso” specifico. La dottoressa non batte ciglio, prende Paola e la adagia sulla bilancia. La mia bimba è sorridente, come sempre. Io sento in lontananza l’eco di un rullo di tamburi. Il fatto è che io queste bilance non so neanche come funzionano. Confesso la mia ignoranza. Sono abituata al display o, al massimo, all’ago. “Dovrebbe aver messo almeno 150 grammi” – ricordo alla dottoressa. “Bene” mi fa lei, liquidandomi sorridente. “Ma anche se fossero 130 non credo sia un problema” – dico, ma nessuno mi risponde – “in fondo 20 grammi non credo facciano grande differenza, certo se invece non dovesse aver messo su peso o se addirittura avesse avuto un calo”. Continuo ma nessuno mi risponde. Gli occhi dei farmacisti sono tutti puntati sulla bilancia. Così non parlo più, il mio soliloquio lo continuo in cuor mio, come facendo il tifo a una gara “almeno 150, almeno 150, almeno 150!” “Signora – mi fa la dottoressa, mentre gli occhi dei suoi colleghi ora si spostano tutti verso di me – sua figlia ha messo su 300 grammi!” “Ah” faccio io, tra il sollievo e l’imbarazzo. Il foglio di appunti mi pare meglio non tirarlo fuori. Ringrazio e vado via. Per sempre da questa farmacia.

Piccole e (in)confutabili verità di Mummybook

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 128

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto