Appello di Maradona: non sono evasore, voglio tornare a Napoli

maradona-image-6616-article-ajust_614«Io non sono un evasore, non lo sono mai stato perché ho solo giocato al calcio. Non posso tornare liberamente a Napoli con tranquillità e questo non è giusto». In un video messaggio registrato a Dubai, Diego Armando Maradona si sfoga e ribadisce il suo forte desiderio di tornare in Italia e, in particolare, nella città che lo ha amato più di tutte: «Mi rivolgo ai politici, io non ho rubato nulla – dice il Pibe de oro riferendosi al suo contenzioso con il fisco italiano -. Se ho sbagliato è stato per altre cose. Voglio tornare a Napoli, liberamente. Non hanno prove per perseguirmi o perseguitarmi. Io chiedo a tutti i politici italiani che guardino bene chi sta dietro tutto questo. Mi stanno rubando la possibilità di rivedere la gente di Napoli che io amo». E’ notizia fresca, nel frattempo, che il debito di Maradona nei confronti del fisco italiano è aumentato. La commissione tributaria provinciale di Napoli ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso presentato dall’ex campione argentino, condannandolo a pagare il rimborso delle spese dell’Agenzia delle Entrate e di Equitalia per complessivi 2mila euro, che vanno ad aggiungersi ai 40 milioni che il fisco chiede al Pibe de oro: «La sentenza contro di me mi accusa di cose che non ho mai fatto. Chi dice di avere le prove lo dimostri all’Italia e al mondo», conclude Maradona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *