Mar. Set 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Attraverso il video del proprio computer, la parola scritta tira di più

di Andrea Manzi

ManziAttraverso il video del proprio computer, la parola scritta tira di più.
Gli indici di gradimento della informazione online, contrapposti a quelli negativi dei giornali, traducono in cifre gelide una realtà irrefutabile: un mondo muore e un altro nasce sulle macerie del primo.
Nel mondo che muore c’è la mia storia professionale; in quello che nasce e si sviluppa, ritrovo però una libertà seducente, il brivido di nuove sfide, colgo un’informazione svincolata finanche dal tempo di conio delle notizie e da quello necessario alla loro mobilità.
Il web da anni racconta il mondo in simultanea e senza alcuna mediazione.
Le prime drammatiche immagini delle Torri Gemelle, attraversate dagli aerei assassini, non furono girate da professionisti dell’informazione. E così anche lo sgomento popolare seguito alla tragedia entrò nelle case soprattutto grazie ai telefoni multiuso e all’imprevisto debutto giornalistico di cittadini sgomenti. Le loro cronache furono nude ma vere.
Un giornalista autentico entra in questa rivoluzione tecnologica o scompare.
Il problema, però, non è (soltanto) il mezzo ma il messaggio.
Come informare e di cosa occuparsi nel tempo della rete?
La strada è di ridare la parola a quanti l’hanno dovuta soffocare in gola; consentire loro il libero racconto di sé. Il giornalista onesto, d’altra parte, lascia spazio alla notizia, vi discioglie dentro la propria funzione tecnica, irrora il campo d’azione e scompare come la pioggia nel rigoglio del prato. “I confronti” tenteranno di creare, pertanto, un’area di opportunità, di relazioni e denunce, perché troppe ingiustizie stringono al collo la nostra democrazia.
Il nostro blog anticipa un più articolato progetto editoriale ideato per step: già tra qualche settimana, si trasformerà in un quotidiano online fresco di idee interattive, al servizio di quanti cercano di fare comunità e di incidervi, in tempo reale, anche attraverso i social network, con testimonianze, confronti e dibattiti altrimenti impossibili.
La presenza di Gigi Casciello come corresponsabile del progetto mi rende particolarmente felice: dopo anni di confronti professionali da sponde diverse e spesso lontane, siamo convinti di dover condividere, questa volta, il brivido di un debutto e la fiducia in un comune successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *