Arrestato l’ultimo boss latitante dei casalesi

Arrestato l’ultimo boss latitante dei casalesi

Massimo Di Caterino (nella foto) è stato rintracciato e arrestato dagli uomini della squadra mobile di Caserta a Sant’Andrea Pizzorno, vicino Francolise, comune dell’alto casertano. Di Caterino era l’ultimo della lista dei latitanti del clan dei Casalesi. Le indagini che oggi hanno portato all’arresto di Massimo Di caterino sono state condotte dalla squadra mobile di Caserta e dal distaccamento di Casal di Principe, rispettivamente guidati dai vice questori aggiunti Angelo Morabito e Alessandro Tocco, sotto il diretto coordinamento del procuratore aggiunto della DDA partenopea Federico Cafiero de Raho e del pm Catello Maresca. Il boss era ricercato in base a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli a marzo del 2010. Di Caterino era ricercato per associazione mafiosa, estorsione e favoreggiamento, reati aggravati dall’aver agito allo scopo di agevolare il clan Zagaria. Di Caterino è stato scovato dalla polizia in un bunker ricavato all’interno del vano doccia di un appartamento situato in frazione Sant’Andrea del Pizzone a Francolise, nel casertano. Da settimane gli investigatori della squadra mobile avevano messo sotto controllo il nascondiglio, uno dei tanti che Di Caterino aveva a sua disposizione..

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *