Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Arresti al ministero dell’agricoltura 2: mozzarelle gratis al funzionario

Arresti al ministero dell’agricoltura 2: mozzarelle gratis al funzionario

Arresti al ministero dell’agricoltura 2: mozzarelle gratis al funzionario

Un ministro delle politiche agricole in quella fabbrica di latticini non c’è mai andato. Forse per questo a uno degli indagati nell’operazione che ha portato a 11 arresti tra dirigenti, funzionari ministeriali e imprenditori, è venuto in mente di farlo balenare per avere in cambio qualche favore. Con il risultato che un carico di mozzarelle campane doc alcuni mesi fa è arrivato a Roma e molte sono state le chiamate per “piazzare” quella montagna di fiordilatte. La vicenda “esempio di uno dei prezzi della corruzione” è stata fissata in diverse intercettazioni agli atti dell’inchiesta e documentata dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza. «In una conversazioni – racconta il colonnello Fabio Pisani – uno degli indagati fa capire ad un imprenditore campano che può “convincere” il ministro a fare visita al suo opificio durante un “tour” in Campania».
«Tanto basta – continua il colonnello – perché a Roma arrivi una fornitura così ingente di mozzarelle che l’indagato ha difficoltà a piazzarle e deve darsi da fare non poco per riuscire a distribuire tra parenti, amici e conoscenti il prezioso carico prima che si rovini». «La visita non avvenne mai, naturalmente – conclude Pisani -, era una millanteria che però indica una chiara “malattia” del sistema: l’imprenditore non ha alcuna certezza di ricevere il favore chiesto ma per ingraziarsi l’interlocutore e garantirsi un possibile, futuro tornaconto non esita a pagare».

Altri servizi:
Corruzione al ministero dell’agricoltura: 11 arrestati, anche Ambrosio

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto