Arrivano aumenti sulla tangenziale di Napoli: 5 centesimi in più

Arrivano aumenti sulla tangenziale di Napoli: 5 centesimi in più

La decisione spetta al Ministero dei trasporti, ma da quanto si apprende da alcuni quotidiani locali, si rischia l’aumento delle tariffe della Tangenziale di Napoli a partire dal 1 gennaio, per finanziare le opere di potenziamento e di messa in sicurezza della rete. La società, al momento, ha chiesto all’Anas di autorizzare un aumento di 5 centesimi (adesso il costo è di 90 centesimi, si passerà a 95) per sostenere gli investimenti per l’opera infrastrutturale. L’aumento pare possa riguardare tir, camion e altri mezzi pesanti. Ma non è escluso che i rincari possano essere estesi anche a autovetture e ciclomotori, magari anche dilazionato fra un anno per questi ultimi veicoli. Il Ministero deve decidere entro 31 dicembre. 
I soldi degli aumenti delle tariffe dovrebbero andare a finire per migliorare le uscite di Capodimonte e corso Malta; gli interventi di ampliamento della tangenziale per includere comuni strategici come Giugliano, Marano e Qualiano; il miglioramento dell’illuminazione; la gestione del sistema elettronico di controllo della velocità Tutor.
«Sembra incredibile – denunciano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Borrelli e il capogruppo del partito al Comune di Napoli Carmine Attanasio – Se il ministero competente darà l’ok, come è sempre avvenuto tutti gli anni precedenti fino ad oggi, il rincaro complessivo dal 2006 al 2013 sarà addirittura del 52 per cento (da 65 a 95 centesimi) negli ultimi 7 anni. Un record senza precedenti e senza nessun riferimento all’inflazione, programmata e non. Tra l’altro la tangenziale di Napoli è l’unico asse viario interno ad una città in Europa che è a pagamento».

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *