Mar. Set 17th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Arti visive e poesie, incontri culturali a Roma

2 min read
Sabato 27 ottobre 2012 si terrà il primo incontro organizzato dall’Associazione “Salotto di conversazione”, articolato in una serie di appuntamenti tesi ad analizzare i rapporti tra i diversi linguaggi artistici, riaprendo così il dialogo tra le Arti.
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]

Incontri culturali: arti visive e poesia
sabato 27 ottobre 2012
Ore 17,00-19,00
Basilica Santa Maria degli Angeli e dei Martiri

Sabato 27 ottobre 2012 si terrà il primo incontro organizzato dall’Associazione “Salotto di conversazione”, articolato in una serie di appuntamenti tesi ad analizzare i rapporti tra i diversi linguaggi artistici, riaprendo così il dialogo tra le Arti.
Si parlerà di Arti visive e Poesia attraverso l’analisi della ricerca scultorea di Bruno Liberatore, della sperimentazione artistica diFrancesco Pernice e delle liriche dello scrittore e poeta Dino Artone.
L’incontro, che si svolgerà presso l’Auditorium nel complesso di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, dalle ore 17,00 alle 19,00, a cura di Simonetta Baroni, si aprirà con una breve introduzione di Giovanni Borrelli, Presidente dell’Associazione “Salotto di Conversazione”, cui seguiranno gli interventi degli artisti, del critico e storico dell’arte Carlo Fabrizio Carli e dello scrittore e giornalista Plinio Perilli.
L’intento è di avviare una riflessione sui processi artistici e di rintracciare i contatti e gli scambi tra questi diversi linguaggi (arti visive, cinema, letteratura, teatro, design, musica, architettura), sviluppando un percorso sulla contemporaneità, grazie al contributo critico di esperti del settore e alle testimonianze degli artisti.
Nei prossimi appuntamenti è il linguaggio pittorico a confrontarsi con le sperimentazioni musicali del Novecento e a trovare un contatto con lo spazio teatrale, luogo di altri sconfinamenti linguistici rintracciabili nell’ azione teatrale e nella performance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *