Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Attenti: assicurazioni in fuga dal Sud, ma arrivano quelle “false”

Attenti: assicurazioni in fuga dal Sud, ma arrivano quelle “false”

Attenti: assicurazioni in fuga dal Sud, ma arrivano quelle “false”
tagliando

Fonte: http://www.assicurazioni-blog.it/

Prima è stato l’intermediario spagnolo “Euro Broker Securo”, poi la campana Pamia Limited Assicurazioni, poi è toccato all’“Inter Hannover Assicurazioni” e alla Ussa. In ultimo, la salernitana “Arcalis Assicurazioni”. Tutte, seppur operanti in aree diverse del Paese, hanno in comune una cosa: sono società che non rientrano tra le compagnie autorizzate o, comunque, abilitate all’esercizio dell’attività assicurativa sul territorio italiano. L’Isvap, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo, un giorno sì e l’altro pure segnala di compagnie assicurative o di intermediari non meglio identificati e dunque sollecitano gli utenti a prestare grande attenzione. Insomma, il paradosso è unico: se da un paio di anni a questa parte è fuga delle compagnie assicurative della Campania, da queste parti arrivano le “false” compagnie. Insomma, non bastassero gli aumenti, non bastassero le disdette piovute sui poveri automobilisti, non bastasse il costo delle polizze che diventa di anno in anno proibitivo, adesso ci si mettono anche le agenzie assicurative false. L’Isvap raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese e intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa, tramite la consultazione del sito www.isvap.it. Noi ci abbiamo provato ma il portale è davvero un guazzabuglio affastellato di leggi, comunicati, ricorsi, prove di idoneità, norme e pubblicazioni chiare è piuttosto facile perdersi. Infine, gli aumenti. Un provvedimento dell’Unione Europea, in vigore da martedì scorso, ha chiesto a tutti gli Stati membri di adeguare i massimali delle assicurazioni stipulate sulle autovetture. In sostanza, le compagnie dovranno raddoppiare la somma massima di rimborso in caso di incidenti, portandoli a 5 milioni di euro per quanto concerne i danni alle persone, e a un milione di euro per i danni alle cose e agli animali, per ciascun sinistro provocato dal guidatore. L’obbligo riguarda tutti i nuovi contratti sottoscritti e rinnovati a partire dal 13 giugno. Vi assicuriamo (scusate il gioco di parole): i rincari sono assicurati. Con buona pace delle assicurazioni.
(c.l.b.)

Informazioni sull'Autore

Ricercatore Università degli Studi di Salerno

Numero di voci : 50

Commenti (1)

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto