Bambino sfugge alla madre e viene sbranato dai cani

Bambino sfugge alla madre e viene sbranato dai cani

Sbranato sotto gli occhi della madre. A soli tre anni. E’ accaduto ieri mattina, intorno alle 12, allo zoo Pittsburg, nel nord est degli Stati Uniti.
Il bambino ha superato in qualche modo il recinto di protezione ed è caduto nella gabbia dei licaoni, cani selvatici molto simili alle iene, che lo hanno ucciso a morsi.
Il piccolo era accompagnato dalla madre quando, per motivi ancora da chiarire, è caduto nel recinto. Le undici bestie all’interno si sono gettate su di lui, uccidendolo, anche se non è ancora chiaro se il bimbo fosse morto già in seguito alla rovinoso volo di almeno quattro metri. I guardiani e la polizia, che ha ucciso uno dei licaoni, hanno tentato inutilmente di salvare il bimbo ma non c’è stato nulla da fare.
Lo zoo ha reso noto sul suo sito web che gli animali, il cui nome scientifico è “Licaone pictus”, sono grandi all’incirca come cani domestici di medie dimensioni e sono molto aggressivi. I cani, di origine africana, assomigliano a cani domestici di medie dimensioni: La loro corporatura è simile a quella delle iene: possiedono zampe lunghe, una testa robusta con orecchie grandi, larghe ed arrotondate. Le loro dimensioni variano da 2 a 2 metri e mezzo di altezza: in base alle diverse famiglie, pesano tra i 18 e i 27 chilogrammi. Sono noti anche come cani da caccia e per il loro mantello maculato, tanto da essere chiamati “cani e lupi dipinti”.

Barruggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *