Barilla. Sbagliate le scuse

Barilla. Sbagliate le scuse
di Pino Grimaldi

barilla-258Non credo che sia stata una felice idea quella di Guido Barilla.
Consigliato male nel partecipare alla trasmissione-trappola di Cruciani e Parenzo, durante la quale ha fatto un immenso autogol.
Consigliato ancora peggio per le frettolose scuse postate su YouTube.
Dal punto di vista visivo è un video oltremodo “triste”, con la faccia contrita Barilla si scusa dicendo: “in tutta la mia vita ho sempre rispettato ogni persona – anche – gli omosessuali”. Non occorre essere psicologi per capire che la riparazione, con nuova gaffe incorporata, non fa che amplificare la gaffe primaria.
In realtà la “comunicazione di crisi” è una dinamica difficile e a volte rinunciare alle riparazioni a caldo è segno di maggiore competenza, che l’affrettarsi a credere di “riparare” all’errore. Tutti sbagliamo, tutti possiamo chiedere scusa. Ma a risentire la registrazione della trasmissione si capisce molto di più, in realtà “gli omosessuali possono fare quello che vogliono” ma “senza disturbare gli altri”; è qui l’omofobia non tanto latente ha fatto imbestialire la rete, che è partita all’attacco del brand con una immensa amplificazione, inimmaginabile ai tempi dei media tradizionali.
Dunque attenzione, sembrerebbe che a volte, dopo un errore, sarebbe meglio tacere, oppure fare una “grande campagna di riparazione”. La verità è che nessuna campagna potrà mai riparare una gaffe, la comunicazione si fa per affermare, non per correggere, men che meno può servire un tristissimo affrettato video, con un testo altrettanto malinconico, ulteriormente sbagliato, sciatto nella fotografia, senza qualità. Insomma la comunicazione è una cosa seria e non basta chiamarsi Barilla.
Però non ho apprezzato neppure lo sciacallaggio (mascherato da ironia) da parte degli altri marchi concorrenti. Dove è finita la cavalleria, la solidarietà tra imprenditori?

(da Blur news)

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *