Mar. Giu 18th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Bimba muore soffocata in una buca scavata sulla spiaggia

2 min read
Una bambina italiana è morta su una spiaggia vicino a Gironda, in Francia, soffocata in un buca che lei stessa aveva scavato. La notizia, riportata dai media francesi, è stata confermata dalla Farnesina, che ha reso noto che i familiari della piccola sono assistiti dai funzionari del consolato generale di Tolosa che sta seguendo il caso.

Una bambina italiana è morta su una spiaggia vicino a Gironda, in Francia, soffocata in un buca che lei stessa aveva scavato. La notizia, riportata dai media francesi, è stata confermata dalla Farnesina, che ha reso noto che i familiari della piccola sono assistiti dai funzionari del consolato generale di Tolosa che sta seguendo il caso. Secondo la ricostruzione fornita dai media francesi, la bambina, di 12 anni, è morta per asfissia ieri sulla spiaggia di La Teste-de-Buch, vicino ad Arcachon, dopo essere rimasta bloccata nella buca nella sabbia che lei stessa aveva scavato. Sono stati alcuni bagnanti a lanciare l’allarme, dopo che si sono accorti che la ragazzina era parzialmente sepolta dalla sabbia. A nulla sono valsi gli sforzi dei vigili del fuoco, intervenuti verso le 19,30, per rianimare la bambina dopo averla liberata dalla sabbia. I testimoni hanno raccontato di aver visto la bambina intenta per diverse ore a scavare la profonda buca in cui sarebbe poi scivolata, rimanendo bloccata. Il caso della bambina italiana ricalca tragicamente la morte di un altro bambino italiano, avvenuta alle isole Canarie due anni fa. Il bambino, il 17 agosto del 2010, rimase sepolto in un’enorme buca, di tre metri di profondità e 5 metri di diametro, che aveva scavato nella sabbia con gli amici. Mentre tentava di uscire dalla buca, gli crollò addosso la montagna di sabbia che era stata rimossa e il piccolo rimase intrappolato fino all’arrivo dei soccorsi. Ricoverato all’ospedale materno infantile di Las Palmas per arresto cardiocircolatorio, entrò poi in coma a causa dei danni provocati dalla mancanza di ossigeno nei venti minuti in cui era rimasto sepolto dalla sabbia. Morì dopo pochi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *