Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Calcio, addio alle divisioni: ecco la nuova serie C

Calcio, addio alle divisioni: ecco la nuova serie C

Calcio, addio alle divisioni: ecco la nuova serie C

Tanto tuonò che piovve! Finalmente oggi il consiglio federale della Figc ha approvato la riforma dei campionati di Lega Pro. Le novità vere e proprie si avranno nel corso del campionato 2014-2015. Il prossimo invece, quello 2013-2014 sarà un campionato di transizione, mentre per quello in corso restano in voga le regole già fissate.
Nella prossima stagione calcistica si partirà dunque con 69 squadre in tutto come adesso; vale a dire ci saranno due gironi di Prima Divisione e due gironi di Seconda Divisione. Ci saranno ripescaggi solo se strettamente necessario e riguarderanno le squadre retrocesse e quelle di serie D secondo un regolamento ancora tutto da approvare.
Dopo di che si arriverà al numero complessivo di 60 squadre che formeranno la nuova serie C, una serie unica formata da tre gironi di venti squadre, eliminando di fatto la distinzione fra Prima Divisione e Seconda Divisione.
Ma come si arriverà nel 2014-2015 al numero già fissato di sessanta squadre? Innanzitutto nel prossimo campionato non ci saranno retrocessioni tra Prima e Seconda Divisione; da quest’ultima ci saranno diciotto retrocessioni in serie D, sei per ogni girone. Una riforma epocale che soddisfa in pieno il presidente Macalli da tempo fautore di forti innovazioni nella categoria. Adesso si spera solo che vengano salvaguardate le società sane, quelle che pagano regolarmente calciatori e Irpef senza essere interessate ad assurde penalizzazioni come purtroppo capita ancora oggi.
“Questo è un bel giorno per tutto il calcio italiano”, ha affermato il presidente Macalli, che ha anche annunciato la volontà di ricandidarsi alla presidenza della Lega Pro.
(n.r.)

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto