Mer. Giu 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Calcioscommesse, terremoto in serie B: spera la Nocerina

2 min read
La Procura Federale deferisce alla Commissione Disciplinare 13 società e 44 tesserati. E la Nocerina torna con un piede e mezzo in serie B. Nella lunga lista dei deferiti, le accuse più gravi riguardano Lecce e Grosseto, entrambe squadre di serie B, che la Procura Federale ha segnalato alla Commissione Disciplinare per responsabilità diretta nell'ambito dell'inchiesta sulle scommesse nel calcio relativa ai filoni di indagini delle Procure della Repubblica di Cremona e Bari.

Foto: tg24.sky.it

Foto: tg24.sky.it

La Procura Federale deferisce alla Commissione Disciplinare 13 società e 44 tesserati. E la Nocerina torna con un piede e mezzo in serie B. Nella lunga lista dei deferiti, le accuse più gravi riguardano Lecce e Grosseto, entrambe squadre di serie B, che la Procura Federale ha segnalato alla Commissione Disciplinare per responsabilità diretta nell’ambito dell’inchiesta sulle scommesse nel calcio relativa ai filoni di indagini delle Procure della Repubblica di Cremona e Bari.
Se nel primo grado di giudizio, previsto entro i primi dieci giorni di agosto, si deciderà per la retrocessione di Lecce e Grosseto, la Nocerina, che risulterebbe seconda dopo il Vicenza, in una eventuale classifica di ripescaggi, potrà dirsi di nuovo in serie B, dopo la retrocessione dello scorso campionato.
Le vicende relative al calcioscommesse rende ancora più bollente quest’estate, già particolare per via dei possibili e più volte preannunciati derby.
Ma vediamo nei dettagli chi sono i deferiti da parte della Procura Federale. Tra tutti, spicca il nome di Antonio Conte, allenatore della Juventus. L’allenatore bianconero, ex tecnico del Siena, dovrà rispondere per una doppia omessa denuncia relativa alle partite Novara-Siena (2-2) e Albinoleffe-Siena (1-0) del campionato di serie B 2010/2011. Deferiti anche i calciatori della Juventus, Leonardo Bonucci e Simone Pepe, entrambi per la gara Udinese-Bari (3-3) del 9 maggio 2010. Bonucci dovrà rispondere di un presunto tentato illecito che, se provato, potrebbe costargli fino a tre anni di stop; Pepe, invece, dovrà difendersi per omessa denuncia.
Tra le squadre deferite, spiccano anche i nomi di Sampdoria e Torino, deferite per responsabilità oggettiva e presunta: entrambe rischiano di partire con punti di penalizzazione (probabilmente quattro) nel prossimo campionato di serie A. Rischia solo un’ammenda l’Udinese, deferita per responsabilità oggettiva per l’omessa denuncia contestata all’ex tesserato Simone Pepe in relazione alla partita Udinese-Bari 3-3 del 9 maggio 2010.
A questi link, le comunicazioni ufficiali della Figc sull’argomento:
http://www.figc.it/other/def1.pdf 
http://www.figc.it/other/def2.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *