Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Rassegna Stampa » Campania, all’ospedale di Nola malati curati a terra: arrivano Nas e ispettori.

Campania, all’ospedale di Nola malati curati a terra: arrivano Nas e ispettori.

Campania, all’ospedale di Nola malati curati a terra: arrivano Nas e ispettori.
Da “Il Fatto Quotidiano” del 09/01/2016
Su facebook rimbalza la foto di alcuni pazienti assistiti sul pavimento. La Lorenzin manda i carabinieri. De Luca avvia un’indagine interna. Ma i vertici del presidio: “Ci mancano le barelle, abbiamo preferito curare le persone a terra piuttosto che non dare assistenza”. A Boscotrecase l’ospedale affronta la “gelata” senza riscaldamento, arriva la Protezione civile con le coperte

Una signora è distesa su un plaid, al suo fianco c’è un addetto sanitario, apparentemente un operatore del 118. A pochissima distanza un’altra paziente, girata su un fianco, in tuta sportiva. Intorno macchinari sanitari, si intravede un altro paziente questa volta su una barella. L’ambiente è quello di una sala di un ospedale. Un’immagine che arriva – secondo quanto ricostruito – dall’ospedale di Nola, in provincia di Napoli, il Santa Maria della Pietà. L’immagine è rimbalzata sui social network e poi è stata rilanciata dal deputato di Forza Italia Paolo Russo: “Altro che De Luca commissario alla Sanità – dice – mi interessa che prima di ogni manfrina politica si restituisca dignità ai miei concittadini”. E ora, in mattinata, sono arrivati anche i carabinieri del Nas, inviati dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Il governo ha annunciato anche l’invio degli ispettori: “È una situazione intollerabile e scandalosa” ha detto Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale del Nuovo Centrodestra in Campania. Un’indagine interna è stata aperta anche dalla Regione Campania su input del presidente Vincenzo De Luca.
Il direttore: “Meglio così che niente”
Ma dai vertici dell’ospedale non fanno un plissé: “Abbiamo preferito curare le persone a terra piuttosto che non dare loro assistenza – dichiara Andreo De Stefano, direttore sanitario del Santa Maria della Pietà – In ospedale abbiamo 15 barelle, 10 delle quali al pronto soccorso, e sabato ne abbiamo ‘sequestrate’ due alle autoambulanze per far fronte all’emergenza venutasi a creare”. Si tratta dunque di una situazione “eccezionale” provocata, aggiunge De Stefano, per l’iper-afflusso di utenti nel pronto soccorso tra sabato e domenica, e che va tornando “verso la normalità”, senza più pazienti disposti sul pavimento. “Tra sabato e domenica sono arrivate 265 persone – ha spiegato – a fronte delle 150 circa che arrivano in media, complice anche il freddo che ha gelato le strade, e che ha costretto molte persone della provincia di Avellino a venire a Nola anziché andare altrove. E quando qualcuno giunge al pronto soccorso non possiamo certo mandarlo via, abbiamo preferito mettere a terra le persone piuttosto che non prestare loro assistenza”. De Stefano insiste: “Una di quelle persone era in arresto cardiaco, ma che dovevamo fare senza letti né barelle, mandarla via? I medici hanno preferito fare la defibrillazione sul pavimento, pur di salvarle la vita come è accaduto”. A suo giudizio le immagini mostrate in tv, “non hanno dato una bella immagine dell’ospedale, ma era l’unica soluzione per far fronte all’emergenza”. “L’altra persona ritratta a terra – ha raccontato – era stata messa in posizione antisoffocamento perché era in preda al vomito”. Il direttore sanitario spiega che “30 dei 265 utenti arrivati al pronto soccorso sono stati ricoverati e due persone sono state portate in altri nosocomi. Si pensi che c’era anche l’emergenza acqua, ed avevamo allertato la prefettura per poter avere qualche autobotte, poi fornitaci dai vigili del fuoco”. Come spiega il medico al pronto soccorso di Nola arrivano persone “dall’Agro Sarnese, dal Vesuviano, dal Nolano, dall’Avellinese, dall’Acerrano, per un’utenza di circa 300mila persone. Ma i medici fanno il loro dovere e danno assistenza nel migliore dei modi possibili, considerando anche che l’ospedale ha 107 posti letto a disposizione, e ne sarebbero necessari, nella norma, almeno il doppio. Noi non ci scoraggiamo, e siamo sereni, siamo pronti a chiarire tutto quanto ci sarà chiesto di chiarire. Ripeto, quella di sabato è stata un’emergenza che definire eccezionale è poco”.
Ora c’è chi minimizza come l’Associazione Cattolica Operatori Sanitari, come si legge nel post qui sopra. Ma la questione dei posti-letto e degli ospedali è tra le più delicate in Campania, una sfida per lo stesso governatore De Luca che da poche settimane ha ottenuto di ricoprire il ruolo di commissario per la sanità per la Regione. “De Luca – attacca il forzista Russo – aveva promesso che non saremmo mai più stati ultimi, ci ha ridotti all’indigenza”. Russo chiede al ministro Lorenzin di restituire “il diritto alla salute a un’area che conta 600 mila abitanti”.

Boscotrecase senza una caldaia
E’ di ieri la notizia, pubblicata tra gli altri dal quotidiano napoletano Il Mattino, che all’ospedale di Boscotrecase i pazienti sono rimasti al gelo (con l’aggravante della ghiacciata di questi giorni) perché una delle due caldaie della struttura è finita fuoriuso, mentre l’altra – di riserva e mal ridotta – ha cominciato a funzionare ma con scarsi risultati. E così sono rimasti al freddo il personale, i parenti degli ammalati e soprattutto i pazienti. A quel punto è partito l’intervento della Protezione civile che è dovuta arrivare con una cinquantina di coperte, anche perché nei magazzini dell’ospedale ce n’erano solo 4. “Da tempo ho chiesto di avere coperte nuove – ha spiegato il direttore sanitario Nicola Vitiello al Mattino – ma qui tutto deve passare per le gare d’appalto. I tempi sono lunghissimi”.

Campania in coda alle classifiche sui Lea
A fine anno, aveva spiegato lo stesso giornale napoletano, una classifica delle Regioni in materia di sanità aveva registrato la Campania all’ultimo posto per i Lea, i Livelli essenziali di assistenza. Peraltro la Regione era caduta per la prima volta sotto la soglia dei 100 punti nella pagella che il ministero della Salute stila ogni anno per valutare le Regioni che sono in corso di piano di rientro. L’ultima verifica dei ministeri (Salute ed Economia) risale a metà novembre e è relativa al 2015 fino ai primi mesi del 2016. Va detto che il governatore De Luca si è insediato a giugno 2015. La Campania, in ogni caso, è scesa anche rispetto al 2009 (99 punti contro 101), quando – già commissariata da due anni – ha iniziato il percorso per il rientro dal deficit. Dopo tagli ai servizi, introduzione di ticket e tasse e aver salutato almeno 14mila addetti mai rimpiazzati, il debito resta quasi invariato. Anzi affollamenti e carenza di posti-letto erano stati elencati come problemi per i grandi ospedali, come Napoli, Salerno e Caserta. Evidentemente ora il problema è anche di cittadine comunque popolose come Nola.

A quel rapporto, comunque, il presidente De Luca aveva risposto: “Qualcuno fa finta di non capire – aveva sottolineato – ma quella classifica si riferisce al 2015,
riguarda la precedente gestione, in cui c’era l’ex presidente della giunta regionale come commissario e gli altri commissari nominati non da me”. De Luca ha rivendicato di aver “messo mano – ha detto – nel 2016 ai conti consuntivi delle Asl che non venivano approvati dal 2012, nominato tutti i direttori generali delle Asl in due settimane, puntando su persone di competenza ma anche di temperamento per affrontare problemi di una certa delicatezza”. Tra i provvedimenti in arrivo “il completamento dell’informatizzazione del sistema sanitario. Da gennaio premendo un pulsante sappiamo ogni mattina cosa succede in tutte le strutture sanitarie pubbliche e private della Campania. Siamo ultimi nella griglia dei Lea anche perché non riusciamo a mandare le informazioni al ministero”.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3438

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto