Mar. Ago 20th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Caretta caretta, polemiche ad Ogliastro tra residenti e turisti

3 min read
«Qualcosa di meraviglioso, che rivela l'estrema perfezione della natura». La nascita delle tartarughe “caretta caretta” sulla spiaggia al confine tra il comune di Castellabate e quello di Montecorice, a ridosso della spiaggia di Baia Arena, è stata accolta dalla popolazione, dai villeggianti e da quanti hanno appreso la notizia come un evento straordinario. Proprio come hanno rimarcato anche i nostri lettori nel commentare l'avvenimento.
di Barbara Ruggiero

«Qualcosa di meraviglioso, che rivela l’estrema perfezione della natura».
La nascita delle tartarughe “caretta caretta” sulla spiaggia al confine tra il comune di Castellabate e quello di Montecorice, a ridosso della spiaggia di Baia Arena, è stata accolta dalla popolazione, dai villeggianti e da quanti hanno appreso la notizia come un evento straordinario. Proprio come hanno rimarcato anche i nostri lettori nel commentare l’avvenimento.
Alcuni esemplari di tartaruga “caretta caretta” sono stati visti entrare in acqua direttamente dai bagnanti che, dopo aver allertato Capitaneria di Porto e Stazione Zoologica di Napoli, sono rimasti in spiaggia fino a tarda notte per assistere a uno degli spettacoli più belli che la natura possa offrire.
L’evento ha spinto chi solitamente frequenta quel luogo per le vacanze a rimarcare annosi problemi che cozzano con le meraviglie della natura e con la bellezza paesaggistica di quel territorio.
«Ogliastro Marina è un posto meraviglioso – ha commentato Oscar – non a caso ci torno ogni estate e durante l’anno nei weekend. L’ultima volta che in quella zona si è visto un mare pulito è stato nel 2006. Dopo quell’anno solo mare color marrone con riflessi in verde. Peccato – ha continuato il nostro lettore – che nessuno si sia accorto della deposizione delle uova: avremmo potuto godere di un po’ di mare pulito anche quest’anno. Forse la tartaruga, quando ha deposto le uova mesi fa, voleva fare un regalo a tutti noi che viviamo la baia di Ogliastro durante l’estate. Solo una tartaruga poteva farlo».
Immediata la replica dei residenti. «Posso garantire che l’acqua del mare è cristallina e pulita fino ad agosto. Io a Ogliastro vivo tutto l’anno – scrive Fabio – e forse sono impopolare: io questo gioiello naturalistico lo chiuderei alla massa di brutto turismo che purtroppo invade la nostra splendida baia. L’amministrazione per anni ha mal gestito le risorse economiche disponibili per la depurazione delle acque; ma la colpa è anche di chi affitta case senza un minimo di licenza o di morale: normalmente in questo posto siamo un centinaio di abitanti; ad agosto superiamo i 4.000. L’inquinamento causato dall’affollamento non è solo del mare ma anche ambientale, come i problemi causati dagli automobilisti senza scrupoli».
«Non credo sia il sovraffollamento a causare l’inquinamento del mare – ha replicato Oscar – In un incontro con la popolazione che il sindaco di Montecorice ha organizzato a metà agosto, ci è stato spiegato che esiste un progetto per veicolare gli scarichi fognari a largo, riconoscendo, quindi, nell’assoluta inadeguatezza delle infrastrutture ubicate nella zona la causa primaria dello scempio ambientale che ogni estate si perpetua. Le risorse finanziarie sono state stanziate dalla Regione. Manca un veicolo che coordini i comuni di Castellabate e di Montecorice per dare concretezza all’opera».
«Mentre le tartarughe sono istintive ed ecologiche – ha commentato Enzo – gli amministratori locali rimuoveranno il problema non appena i turisti settembrini si saranno dileguati per poi mostrare una finta sorpresa per la grave situazione ai primi di luglio 2013. Diamoci subito da fare!»
Ma la nascita delle tartarughe “caretta caretta” sulla spiaggia di Ogliastro Marina scatena discussioni, divide, ma non può che unire proprio per l’unicità dell’evento.
«Questo evento – precisa Fabio – non deve creare polemiche ma felicità. Questa è la dimostrazione che Ogliastro è unica: la tartaruga depone solitamente le uova in Sicilia e non da altre parti, fatta eccezione per Ogliastro Marina».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *