Lun. Ago 19th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Caro scuola: una famiglia su tre non ce la fa

2 min read
Il 28% delle famiglie italiane dovrà ricorrere ai propri risparmi o ad aiuti esterni per pagare il materiale scolastico dei figli. Lo rivela l’edizione di settembre dell'Osservatorio mensile Findomestic sui beni durevoli. La spesa preventivata per le famiglie che hanno un figlio è pari a 494 euro, che diventano 642 nel caso i figli siano due o più. Se i ragazzi frequentano il liceo, l'esborso può arrivare a 716 euro. Di conseguenza, il 47% dei genitori acquisterà libri usati e il 57% lamenta un aumento della spesa per mandare i figli a scuola. Non stupisce pertanto l’aumento, dal 12,9% di luglio all’attuale 17%, delle famiglie intenzionate a risparmiare nel prossimo anno. Più in generale, sempre secondo la ricerca Findomestic, il livello di soddisfazione per la situazione complessiva del Paese è pari a 3,3 punti su una scala da 1 a 10. L’Osservatorio riporta anche la situazione delle previsioni di acquisto a tre mesi relative a una serie di prodotti.

Il 28% delle famiglie italiane dovrà ricorrere ai propri risparmi o ad aiuti esterni per pagare il materiale scolastico dei figli. Lo rivela l’edizione di settembre dell’Osservatorio mensile Findomestic sui beni durevoli. La spesa preventivata per le famiglie che hanno un figlio è pari a 494 euro, che diventano 642 nel caso i figli siano due o più. Se i ragazzi frequentano il liceo, l’esborso può arrivare a 716 euro. Di conseguenza, il 47% dei genitori acquisterà libri usati e il 57% lamenta un aumento della spesa per mandare i figli a scuola. Non stupisce pertanto l’aumento, dal 12,9% di luglio all’attuale 17%, delle famiglie intenzionate a risparmiare nel prossimo anno. Più in generale, sempre secondo la ricerca Findomestic, il livello di soddisfazione per la situazione complessiva del Paese è pari a 3,3 punti su una scala da 1 a 10. L’Osservatorio riporta anche la situazione delle previsioni di acquisto a tre mesi relative a una serie di prodotti. Per quanto riguarda gli elettrodomestici, si prospetta, rispetto a luglio, un aumento delle vendite per quelli piccoli, un calo per quelli bianchi e una sostanziale stabilita’ negli acquisti di Tv video e Hi-Fi. Passa dal 17,9 al 19% la quota di intervistati intenzionata a comprare un cellulare. Per pc e accessori si prevede invece un calo dal 20,5% al 19,4%, mentre per tablet, foto e videocamere la situazione non dovrebbe cambiare di molto. Tuttavia, per tutti questi prodotti, gli importi medi di spesa tendono a calare. Non male il mercato dell’auto. Stabile la percentuale di chi si appresta a comprare una macchina nuova, in aumento di un punto quella di chi ne acquisterà una usata. Si registra una contrazione della quota di quanti intendono comprare una nuova casa e complementi d’arredo. Sensibile il calo (dal 38,6 al 34,7%) degli italiani intenzionati a comprare un pacchetto vacanze, mentre aumenta il numero di quanti organizzeranno viaggi fai-da-te e acquisteranno attrezzatura e abbigliamento sportivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *