Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Cassazione inflessibile: 14 mesi al direttore del Giornale

Cassazione inflessibile: 14 mesi al direttore del Giornale

Cassazione inflessibile: 14 mesi al direttore del Giornale

(Adnkronos) – La Cassazione ha reso definitiva la condanna a 14 mesi di reclusione senza condizionale per diffamazione ad Alessandro Sallusti, il direttore de ‘Il Giornale’. A questo punto Sallusti, a meno che non decida di chiedere una misura alternativa alla pena come i servizi sociali, andrĂ  in carcere. E la richiesta potrĂ  essere formula entro un mese, non avendo il direttore altri cumuli di pena. La decisione è stata assunta dalla quinta sezione penale, presieduta da Aldo Grassi dopo una brevissima camera di consiglio di circa due ore e mezzo nella quale ha respinto completamente il ricorso presentato dalla difesa di Sallusti. Negate anche le attenuanti generiche come richiesto dal Pg Gioacchino Izzo che avrebbero potuto evitare il rischio carcere al direttore de ‘Il Giornale’.
Non avendo nĂ© cumuli di pena nĂ© recidive, l’esecuzione della pena, come dicevamo, verrĂ  automaticamente sospesa dalla Procura di Milano, ha spiegato il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati, ma soltanto per un mese.
Alessandro Sallusti è stato inoltre condannato a pagare 4.500 euro di spese processuali. Piazza Cavour, inoltre ha disposto un nuovo appello bis per Andrea Monticone, il giornalista di ‘Libero’, di cui all’epoca Sallusti era direttore, che si occupò del caso di aborto della 13enne di Torino. Nel dettaglio, la suprema Corte ha confermato la sentenza della Corte d’appello di Milano del 17 giugno 2011 che aveva inflitto 14 mesi senza condizionale a Sallusti per la diffamazione a mezzo stampa a causa di un editoriale siglato con uno pseudonimo, apparso nel febbraio del 2007 su ‘Libero’. Secondo la Cassazione, dunque, non ci sono dubbi che l’autore della diffamazione sia stato il direttore del ‘Giornale’ al quale ha negato anche lo sconto di pena. In primo grado, il 26 gennaio 2009, il Tribunale di Milano aveva invece condannato Sallusti a 5.000 euro. L’editoriale siglato con uno pseudonimo invocava la pena di morte per Giuseppe Cocilovo, il magistrato di Torino in servizio presso il giudice tutelare che si era occupato del delicatissimo caso di interruzione di gravidanza di una 13enne torinese. A questo punto se Sallusti non chiedera’ l’affidamento ai servizi sociali rischia il carcere.
VERGOGNA’. In maiuscolo e carattere blu. Titola cosi’ il ‘Giornale’ on line, che spiega: ”Contro ogni logica la Cassazione conferma la condanna a 14 mesi di reclusione per il direttore del Giornale”. ”Condanna definitiva. Condanna definitiva alla liberta’ di espressione”, si legge ancora nel lead del pezzo.
Sallusti, che ha annunciato “Andrò in carcere, no alle misure alternative”, ha rassegnato le proprie dimissioni da direttore del Giornale.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto