“Colletta per i detenuti”, arrestati tre Casalesi

Tre uomini sono stati fermati a Casal di Principe dai carabinieri della locale compagnia con l’accusa di estorsione e tentata estorsione aggravate dal metodo mafioso. In carcere sono finiti Carmine Iaunese di 34 anni, Francesco Caterino di 23 anni e Raffaele Maiello di 31. Ai tre indagati vengono contestate dai pm della Direzione distrettuale antimafia, che hanno coordinato le indagini dei carabinieri, un’estorsione e una tentata estorsione nei confronti di imprenditori dell’Agro Aversano. Estorsioni che sarebbero state commesse per conto del clan dei Casalesi. I tre sono stati rinchiusi in carcere. Il provvedimento costituisce l’esito degli approfondimenti investigativi condotti a seguito dell’arresto in flagranza di reato, operato il 21 dicembre 2012, per lo stesso delitto, di un pregiudicato, esponente del clan “dei casalesi-fazione Schiavone”. Infatti, a seguito di tale episodio, gli investigatori hanno accertato che l’esponente del clan dei casalesi aveva agito con un complice, insieme al quale, nelle settimane precedenti alle festività natalizie, aveva ripetutamente intimato ad un commerciante dell’aversano il pagamento di somme di denaro «quale contributo per i carcerati», presentandosi esplicitamente quali esponenti del clan «dei casalesi». Uno tra gli uomini in questione, spiega la Polizia, «sebbene annoveri lievi precedenti penali, deve ritenersi soggetto pienamente inserito nella temuta consorteria camorrista». Questi, peraltro, è legato da vincoli di parentela ad un altro elemento di spicco del clan Schiavone, arrestato dalla Squadra Mobile il 20 dicembre 2010, dopo un lungo periodo di latitanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *