Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Condominio, la nuova legge “riabilita” gli animali domestici

Condominio, la nuova legge “riabilita” gli animali domestici

Condominio, la nuova legge “riabilita” gli animali domestici

Una legge con 31 articoli per la riforma del condominio.
La commissione Giustizia del Senato ha approvato oggi la nuova disciplina che “mette bocca” sugli aspetti più controversi della vita in comune degli italiani, con regole che dovrebbero riportare ordine nei condomini.
La legge mira a procedure più snelle, alla “liberalizzazione” della presenza di piccoli animali domestici e alla valorizzazione della figura dell’amministratore.
La riforma del condominio prevede, per esempio, che il regolamento condominiale non potrà vietare di possedere animali domestici. Via libera anche a coloro che vogliono staccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato: si può fare senza attendere l’accettazione dell’assemblea, ma a patto di non creare pregiudizi agli altri e di continuare a pagare la manutenzione straordinaria.
Tra le varie cose, è previsto che l’assemblea potrà disporre la creazione di un sito web del condominio ad accesso individuale e protetto per tenere sotto controllo atti e rendiconti mensili. L’amministratore – che dovrà frequentare un corso di formazione iniziale, oltre ad aver conseguito il diploma di scuola secondaria di secondo grado – all’atto della nomina sarà tenuto a presentare ai condomini una polizza individuale di responsabilità civile che copre gli atti compiuti all’inizio del mandato. Gli oneri sono a carico del condominio.
Per la messa a norma in sicurezza per l’eliminazione delle barriere architettoniche occorrerà la presenza dei condomini che rappresentano un terzo dei millesimi condominiali con la maggioranza del 50 più uno.
Il repertorio dei condomini presso ogni ufficio provinciale dell’Agenzia del Territorio è soppresso: avrebbe previsto troppi oneri per le casse dello Stato.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 727

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto