Continuiamo a uccidere per punire chi ha ucciso

Continuiamo a uccidere per punire chi ha ucciso
di Rino Mele

Non sanno più il loro nome i 426 bambini uccisi da Assad mercoledì 21 agosto a Damasco

tra le case della rivoluzione, la testa

girata a chiedere pietà al vento. Un silenzio è intorno

a quel cratere e l’attesa della ritorsione. Gli Stati Uniti sono

pronti a punire il male col male,

non c’è altra strada per la nostra ragione. Cristo è lontano

con la sua eresia, non impareremo mai

a perdonare, “amare

il nemico”, smettere di odiare l’insopportabile asimmetria,

l’orrore di un volto nuovo. La Siria

aspetta: come si fa a evitare di passare per la strada che non

si sa, sopportare di respirare dove le bombe

trascineranno in alto le pietre come un albero di urla?

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *