Dom. Lug 21st, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Sprechi, arrestato consigliere regionale del Pdl in Campania

2 min read
Ai domiciliari Massimo Ianniciello, indagato l'ex capogruppo Fulvio Martusciello

Massimo Ianniciello, consigliere regionale del Pdl in Campania, finisce agli arresti domiciliari. Indagato Fulvio Martusciello, ex capogruppo Pdl in consiglio e ora consigliere delegato nella giunta campana. I provvedimenti sono stati notificati questa mattina su ordine del gip del tribunale di Napoli nell’ambito di un’inchiesta sui rimborsi ai gruppi in consiglio regionale aperta nei mesi scorsi.
L’accusa è di truffa aggravata per rimborsi di 64mila euro ottenuti con fatture che il pm Giancarlo Novelli ha scoperto essere false.
L’indagine principale da cui sono scaturiti i provvedimenti è quella che vede indagato per peculato un altro consigliere regionale Udeur, Ugo De Flaviis. Nei mesi scorsi, le forze dell’ordine avevano effettuato sei o sette perquisizioni nelle sedi del consiglio, acquisendo documentazioni relative a viaggi, rimborsi elettorali e ogni altra spesa dei gruppi consiliari.
La procura di Napoli, che ha acquisito decine di faldoni, ha ordinato una serie di perquisizioni che sono tuttora in atto. Dal primo esame dei documenti sarebbe emerso che tra i rimborsi chiesti e ottenuti da alcuni consiglieri c’erano cene in ristorante e viaggi all’estero. I magistrati acquisirono anche un modulo prestampato con il quale i capigruppo chiedevano rimborsi senza dover dimostrare l’effettività delle spese sostenute. A Ianniciello notificato anche un decreto di sequestro per equivalente che riguarda la sua abitazione per 63.800 euro.
Per Martusciello l’accusa è quella di concorso in peculato con Ianniciello. Il coinvolgimento dell’esponente campano del Pdl, fratello di Antonio, tra i fondatori di Forza Italia e componente dell’Agcom, riguarderebbe il suo ruolo di capogruppo e sarebbe in relazione all’obbligo di controllo della regolarità dei rimborsi. In un altro filone dell’inchiesta sui conti della regione è poi indagato il commercialista Antonio Pazzona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *