Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Crescent a Salerno, il Consiglio di Stato sblocca i lavori

Crescent a Salerno, il Consiglio di Stato sblocca i lavori

Crescent a Salerno, il Consiglio di Stato sblocca i lavori

Il Consiglio di Stato autorizza la ripresa dei lavori del lotto 1 del Crescent di Salerno, sospesi proprio per decisione del Tar in seguito ad un ricorso presentato dall’associazione Italia Nostra. La sentenza di merito arriverà a novembre, intanto il cantiere riapre. Il provvedimento assunto oggi dai giudici del Consiglio di Stato riguarda, appunto, il lotto 1 dove gli operai possono arrivare fino al livello piazza. Non è bastato lo sciopero degli avvocati per evitare la pronuncia del tribunale amministrativo d’appello.
In realtà si tratta di una lunga battaglia giudiziaria e amministrativa condotta da comitati e associazioni ambientaliste contro quello che per il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, è il più grande e importante progetto di riqualificazione urbana di una città che si affaccia sul mare. Solo a settembre scorso il Tar di Salerno ha accolto la richiesta di sospensiva che i legali degli ambientalisti avevano presentato contro il permesso di costruire rilasciato per il settore numero uno. L’unico settore, questo, che non era stato travolto dalla precedente diatriba giudiziaria arrivata fino in Consiglio di Stato e non senza risparmiare colpi di scena. Quando in estate i lavori dell’edificio a forma di mezza luna disegnato dall’archistar Ricardo Bofil si sono fermati su ordine dei giudici di Palazzo Spada, nel settore uno si è continuato a lavorare. E anche quando una diversa sezione del Consiglio di Stato ha contraddetto la decisione presa precedentemente da altri colleghi, in quel settore i lavori sono sempre andati avanti.
Oggi è stata ribaltata la decisione assunta dal Tar di Salerno, che per la prima volta a settembre accolse un ricorso di Italia Nostra contro il Crescent ordinando lo stop dei lavori. A difendere la società Crescet, che si è aggiudicata il bando del Comune di Salerno, è l’avvocato Lorenzo Lentini che ha ottenuto il via libera – almeno fino al 16 novembre – dai magistrati d’appello. La zona interessata dal provvedimento è quella del settore 1 lato costiera. La situazione, a questo punto, diventa davvero complicata con i ricorsi giudiziari che si accavallano, la ripresa completa dei lavori e l’indagine della Procura di Salerno sui lavori per la realizzazione di Piazza della Libertà, a causa dei presunti cedimenti strutturali.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1291

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto