Sab. Ago 24th, 2019

I Confronti

Inserto di SalernoSera

Crescent, aspettando la sentenza Rainone pensi agli operai

4 min read

Il dispositivo emesso dal Consiglio di Stato, quello che ha sospeso in via cautelare i lavori del Crescent, il condominio sul mare di Salerno ad alto impatto ecologico, simbolo della politica urbanistica del sindaco Vincenzo De Luca (foto), in attesa di arrivare a sentenza di merito, è già molto chiaro. Tre i punti essenziali: 1) evitare che la prosecuzione dei lavori di un edificio di cospicue dimensioni, in una situazione controversa, produca una trasformazione dello stato dei luoghi difficilmente reversibile. 2) Il rischio economico degli esiti delle azioni giudiziarie pendenti sul Crescent è assunto dalla parte pubblica per effetto dell’art. 2, lettera G) del contratto stipulato tra il Comune di Salerno e la Crescent s.r.l. 3) L’interesse dell’Associazione appellante, Italia Nostra, può essere soddisfatto mediante una sollecita discussione della causa nel merito. In ognuno di questi punti c’è un’involontaria risposta agli attori che hanno animato in questi ultimi giorni le reazioni del post stop dei lavori.
Ovvero il sindaco Vincenzo De Luca, che ha bollato il tutto come “inutile perdita di tempo e attaccato a testa bassa i finti ambientalisti che “godono perché 100 famiglie non avranno da mangiare”. Nessuna autocritica, naturalmente, sui rischi economici ed ambientali.
La Crescent srl, grazie al contratto firmato con l’amministrazione comunale, intanto è in una botte di ferro, indipendentemente dal destino del Crescent.
Al gruppo di investitori, guidati dalla Rcm dei fratelli Rainone, qualora il condominio extralusso dovesse saltare, a causa delle azioni giudiziarie pendenti, verranno restituiti i costi sostenuti per acquisire l’area (15 milioni di euro), gli oneri di urbanizzazione e addirittura il valore delle opere già realizzate. Così come richiesto specificamente dalla stessa Crescent srl e sancito poi dalla delibera 1347 di giunta comunale del 10 dicembre 2010.
La terza risposta, nel dispositivo del Consiglio di Stato, è aisindacati che, tarantolati e riuniti sulla strada del Crescent, continuano a ripetere che si faccia in fretta per tutelare i posti di lavoro di circa 40 operai impiegati nel cantiere. Richiesta sacrosanta a cui il Consiglio di Stato ha dato ampie rassicurazioni in quel “sollecita” discussione della causa nel merito. Che stando ai tempi previsti per legge e prassi dovrebbero portare la fissazione dell’udienza alla fine di ottobre, più altri 45 giorni per la sentenza. Insomma in meno di sei mesi Salerno saprà se il Crescent si farà o meno. Giusto in tempo per le Luci di Natale, tanto care al sindaco. In questo lasso di tempo c’è sicuramente da risolvere il problema dei 40 operai rimasti temporaneamente senza lavoro. Gli ammortizzatori sociali chiesti dal sindacato da una parte, ma anche la solidità del Gruppo Rainone, dovrebbero garantire gli operai. A meno che Rainone non sia un gigante dai piedi d’argilla. Ma a vedere le commesse dei lavori, tra enti pubblici e privati, presenti nel portafoglio del gruppo di Sarno non dovrebbe essere così. Commesse per quasi 250 milioni di euro.
1. Comune di Cava dei Tirreni, lavori di decongestionamento della SS 18 con copertura del Trincerone Ferroviario e sottovia, importo di € 18.483.461.
2. USL 4 Matera, lavori di costruzione del plesso ospedaliero di Tricarico, importo 5.024.351.
3. Commissario di Governo per l’Emergenza Idrogeologica nella Regione Campania, sistemazione idrogeologica dei bacini Trestinello, Calcara,Volturara nel Comune di Bracigliano, Importo 5.050.000
4. Provincia di Salerno, progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di realizzazione della viabilità alternativa alla S.S. 18, Importo 16.482.682.
5. Commissario di Governo per l’Emergenza Rifiuti: Lavori di realizzazione di soluzioni migliorative per l’accessibilità alle aree di localizzazione dell’impianto CDR di Battipaglia (SA), importo 4.689.407.
6. Commissario di Governo per l’Emergenza Idrogeologica nella Regione Campania: ripristino della funzionalità idraulica degli alvei intercomunali: Canale di Angri e Canale Fosso del Mulino, importo 4.787.000.
7. Bagnoli Futura S.p.A.: Parco dello Sport attività ricettiva campeggio, importo 4.100.000.
8. Comune di Napoli: Lavori del nuovo sistema tranviario compreso tra l’emiciclo di Poggioreale e via Stadera, importo € 2.913.152,39.
9. Costruzioni Generali Rainone S.r.l.: Lavori di realizzazione di un complesso residenziale costituito da n. 21 ville nel Comune di Cava de’ Tirreni, importo € 10.700.000.
10. Comune di Salerno: costruzione impianto trattamento FORSU e gestione provvisoria biennale, importo € 11.237.613,95.
11. Salerno Invest – Le Cotoniere S.r.l: opere civili per la costruzione di struttura commerciale e relative opere di urbanizzazione, importo presunto” € 85.000.000.
12. Daneco S.p.a.: lavori: realizzazione delle operi civili del centro di selezione e linea di biostabilizzazione con annessa discarica di  servizio/soccorso nel Comune di Giovinazzo, importo € 18.000.000,00.
13. Comune di Salerno, lavori di sistemazione idraulica del Fiume Picentino. Importo € 4.124.075.
14. Comune di Eboli, lavori di implementazione di una fase di digestione anaerobica alla realizzazione dell’impianto di compostaggio e stabilizzazione delle frazioni organiche provenienti dalla raccolta differenziata dei R.S.U., importo € 3.674.116.
15. Crescent s.r.l: lavori di realizzazione di un complesso edilizio in località S. Teresa importo € 28.140.000
16. Autorità Portuale di Salerno: lavori di consolidamento del molo  commerciale di Salerno importo € 16.800.000,00
17. Provincia di Salerno: Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di realizzazione del completamento della S.P. 413 – Aversana III° Lotto, importo € 7.500.000.
(emme effe)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *