Crescent, ok anche dal Consiglio di Stato ma con tre verifiche

La sesta sezione del Consiglio di Stato con un’ordinanza emessa oggi fa proseguire i lavori del Crescent di Salerno. I giudici però non definiscono nel merito la questione, perché pongono tre distinte verificazioni – come si legge nell’ordinanza – che dovranno indicare prossimamente con separata ordinanza. Probabile che tra le condizioni poste ci sia anche la verifica della stabilità dei pilastri della piazza che nelle scorse settimane sono crollati. Ma queste tre verificazioni saranno indicate prossimamente.
L’Associazione Italia Nostra Onlus era rappresentata e difesa dagli avvocati Oreste Cantillo, Oreste Agosto, il Comune di Salerno era difeso dagli avvocati Angelo Clarizia e Antonio Brancaccio, mentre la società Crescent dai legali Mario Sanino, Paolo Vosa e Lorenzo Lentini.
La società Crescent incassa la prosecuzione dei lavori che dovranno portare alla realizzazione del gigantesco complesso a forma di mezzaluna, davanti alla Piazza della Libertà. Un progetto dell’archistar catalana Ricardo Bofill. Nell’ordinanza si legge anche che «è pregiudiziale la verifica della tempestività della presentazione dell’originario ricorso straordinario al Presidente della Repubblica con cui sono stati impugnati i provvedimenti presupposti del permesso di costruire rilasciato alla società Crescent» e che «i lavori proseguono con la consapevole assunzione di responsabilità da parte del Comune di Salerno e della società Crescent». Il Consiglio di Stato ha anche condannato l’associazione Italia Nostra al pagamento delle spese nella misura di 3.000 euro in favore della società Crescent e di 1.000 euro in favore del Comune di Salerno.
Sembra davvero lunga ed estenuante la lunga battaglia giudiziaria e amministrativa condotta da comitati e associazioni ambientaliste contro quello che per il sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, è il più grande e importante progetto di riqualificazione urbana di una città che si affaccia sul mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *