Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » Da martedì 11 dicembre a Salerno Peter Greenaway

Da martedì 11 dicembre a Salerno Peter Greenaway

Da martedì 11 dicembre a Salerno Peter Greenaway

Martedì 11 dicembre 2012, ore 10.30
Aula Magna – Università degli Studi di Salerno
Laboratorio di Filosofia e Linguaggi dell’Immagine (DISPAC)

Peter Greenaway
Le arti e la settima arte nel XXI secolo
Lectio magistralis

***

12 – 30 dicembre 2012
Teatro Antonio Ghirelli
Altoforno ex Salid
Via Lungoirno, Salerno

Fondazione Salerno Contemporanea Teatro Stabile di Innovazione
e Change Performing Arts
presentano

Peter Greenaway
The seventh wave | La settima onda
tratto da La Tempesta di William Shakespeare

video editing Irma de Vries
soundtrack Stefano Scarani
programmazione e videomapping Andrea Bianchi, Matteo Massocco, Valeria Palermo
a cura di Franco Laera

prodotto da CRT Artificio

Il tema dell’acqua ritorna ciclicamente nell’immaginario di Peter Greenaway, artista dai mille volti, con una formazione da pittore e conosciuto, essenzialmente, come regista cinematografico.
Anche questo nuovo progetto, per l’inconsueto spazio dell’altoforno sulle rive dell’Irno, s’inserisce in quel filone visionario che prende l’avvio con il famoso film Drowning by numbers, premiato a Cannes nel 1988, e che approda, nel 2005, al concerto/performance Writing on water, in cui Greenaway coniuga il tema dell’acqua a tre fonti letterarie: il celebre romanzo Moby Dick dello scrittore americano Hermann Melville, il poema inglese The rime of the Ancient mariner di Samuel Taylor Coleridge e, soprattutto, La Tempesta di Shakespeare che era stata già alla base del suo film The Prospero’s Book del 1991.
Writing on water aveva la forma di un concerto, in cui le musiche composte da David Lang ed eseguite dal vivo dalla London Sinfonietta si fondevano con tre proiezioni sincronizzate su tre schermi di forma e misure differenti.
La ricerca di Greenaway è andata sempre più orientandosi, negli ultimi anni, su forme espressive che scompongono e ricompongono i diversi linguaggi – pittura, musica, letteratura, teatro, video – fino a sperimentare nuove forme di “cinema architettonico”.
Con The seventh wave/La settima onda, Greenaway torna a sperimentare le forme teatrali che integrano immagini elettroniche e dialogo con l’architettura e perfomance live.
Il pubblico – in gruppi a numero chiuso – sarà chiamato ad immergersi in un viaggio affascinante di immagini, suoni e parole, in cui l’acqua – paradossalmente e simbolicamente – invaderà e sommergerà completamente lo spazio unico e affascinante dell’altoforno, una volta dominato dal fuoco.
La presenza di Peter Greenaway a Salerno si completerà con un incontro/conferenza con gli studenti dell’Università per un’originale Lectio magistralis sulle prospettive del cinema nel contesto delle arti nel XXI secolo e con la proiezione di una selezione dei suoi film: da I misteri del giardino di Compton House a L’ultima Tempesta e Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante.

Orari Spettacoli
dal martedì al sabato: ore 20.00 e ore 21.00
domenica: ore 18.00 e ore 19.00
ingresso a numero limitato, prenotazione obbligatoria
info e prenotazioni al numero 800188958
email botteghino@fondazionesalernocontemporanea.it

Biografia
Peter Greenaway è nato a Newport, in Gran Bretagna il 5 aprile 1942, a pochi chilometri da Cardiff, nel cuore del Galles industriale, in una famiglia della piccola borghesia: la madre insegnante, il padre commerciante. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la famiglia Greenaway decide di lasciare la città, per evitare il rischio dei bombardamenti e si stabilisce in campagna, nell’Esse. Fin da bambino mostra un grande interesse per l’arte, tanto che decide di fare il pittore.
Nel 1962 si trasferisce a Londra, iscrivendosi al Walthamstow College per studiare belle arti. Intanto scopre il cinema, rimanendo influenzato dai capolavori della Nouvelle Vague francese, specialmente da Godard e Resnais, oltre che da Bergman e Fellini. Quasi per gioco realizza dei cortometraggi e successivamente viene assunto al Central Office of Information, un ufficio statale che produce campagne informative di interesse pubblico. Qui si fa le ossa per parecchi anni lavorando prima come montatore e poi come regista. Nei ritagli di tempo, spesso con i materiali raccolti durante il lavoro, produce corti sperimentali come “Train”(1966), che raffigura l’arrivo dell’ultimo treno a vapore nella Waterloo Station commentato da musica elettronica.
Negli anni Settanta, ormai padrone del mezzo artistico, realizza film sperimentali sempre più lunghi e ambiziosi. Nel 1978 il British Film Institute gli produce “Un viaggio attraverso H”, l’avventura fantasiosa di un ornitologo attraverso la mappa di un paese fittizio. Il cortometraggio vince diversi premi anche negli USA. Nel 1980 esce “Le cadute – The Falls” un ambizioso mediometraggio che colleziona assurdi materiali associati al volo in relazione a 92 vittime di morte violenta.
Fin da questi film sperimentali è chiara la vocazione estetica di Greenaway, influenzata dalla pittura rinascimentale italiana e fiamminga, dalla teoria matematica e dalle strutture ripetitive e ossessive. I suoi corti, come poi i futuri film, affrontano ripetutamente il contrasto fra corpo nudo e forma astratta, natura e architettura, piacere sessuale e morte violenta. Fin dai primi tentativi sperimentali Greenaway dedica una particolare attenzione alle colonne sonore dei suoi film, collaborando spesso con il compositore Michael Nyman.
Nel 1982 esordisce col suo primo film narrativo, “I misteri del giardino di Compton House”. Ambientato in un Settecento a metà fra Fellini e Kubrick, la pellicola, ispirandosi anche a “Blow Up” di Antonioni, racconta di un disegnatore di paesaggi che finisce per scoprire un delitto tramite gli indizi nascosti nei suoi disegni. Il film diventa subito un cult movie e
Greenaway comincia ad avere seguaci in tutta Europa. I successivi “Lo zoo di Venere” (1985) e “Il ventre dell’Architetto” (1987) confermano il gradimento del pubblico per le storie estreme costruite dal regista britannico. Il primo narra di due zoologi ossessionati
dal sesso, dalla simmetria e dalla putrefazione, il secondo affronta le vicende di un architetto che, arrivato a Roma per organizzare una mostra, si ammala di tumore scivolando lentamente nella follia. “Giochi nell’acqua” (1988) mette in scena un’altra delle ossessioni di Greenaway, quella per l’annegamento, in una storia surreale che vede tre generazioni di donne affogare i rispettivi mariti con la complicità interessata di un eccentrico medico legale. Il lungometraggio è caleidoscopico, scandito da elenchi, numerazioni, elementi simbolici e regolamenti di giochi assurdi. “Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante” (1989) è forse il film più noto e controverso di Greenaway. Con lo stile di una tragedia elisabettiana modernizzata, si racconta la storia di un violento gangster e della sua donna che si innamora di un mite professore di storia, il tutto condito da simbolismi cromatici, complicati banchetti, estenuanti dialoghi e cannibalismo.
Gli anni ’90 si aprono per Greenaway con lo spettacolare “L’ultima tempesta” (1991), un barocco adattamento cinematografico della “Tempesta” di Shakespeare, magistralmente interpretato dall’erede di Laurence Olivier, sir John Gielgud. Il successivo “Il bambino di Macon” (1993), violenta satira delle menzogne del potere, non riscuote però molto successo. I tempi stanno cambiando e l’intero sistema del cinema d’autore europeo entra in sofferenza. “I racconti del cuscino” (1995), che utilizza tecniche digitali all’avanguardia mescolando immagini e calligrafia per raccontare una storia di erotismo e morte non riesce a recuperare l’attenzione dei fan, come pure un mezzo insuccesso si rivela il felliniano “8 donne e mezzo” (1999).
Dopo il 2000, Greenaway si avvicina sempre più a forme visuali alternative come le installazioni site specific, il “cinema architettonico”, le nuove tecnologie digitali. I suoi film diventano degli ibridi fra cinema, documentario e video arte, provocando polemiche a non finire, ma sempre visualmente provocanti. Notevole la trilogia di “Le valigie di Tulse Luper” un complesso e bulimico progetto multimediale poi uscito al cinema in due parti nel 2003, e la serie di film dedicati ai grandi pittori europei, fra cui spicca il magistrale “Nightwatching” (2007) un viaggio intellettuale e critico all’interno del capolavoro di Rembrandt “La ronda di notte”. Da questo incontro prende avvio il progetto “Nove dipinti classici rivisitati”, un dialogo tra cinema e arte classica che prende avvio con l’installazione multimediale “L’Ultima Cena di Leonardo” nel 2008 e continua nel 2009 a Venezia con “Le Nozze di Cana” di Veronese.
Greenaway insegna attualmente cinema presso la European Graduate School in Svizzera.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3631

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto