Dal carcere ad un banco nel mercato, Orlando prova a restare pulito

Dal carcere ad un banco nel mercato, Orlando prova a restare pulito

Trentanove anni e da due settimane libero. Orlando, nato e cresciuto nella zona dei Vergini, quartiere Sanità a Napoli, dal 2007 a oggi è entrato e uscito dal carcere di Poggioreale per quelli che definisce “reati di necessità”, crimini della microdelinquenza. Ora ha deciso di tagliare e mettere su un’attività “pulita”. «Tra Natale e gennaio – racconta – sarà tutto pronto per poter avere uno stand dove vendere articoli per la casa». Tre figli da mantenere, 16, 14 e 8 anni, ha deciso di cambiare vita e «fare finalmente qualcosa di legale, pulito». Così per dire addio «una volta per tutte» alla prigione, Orlando ha chiesto aiuto al presidente del Borgo Vergini, Giovanni Allinoro. «Mi ha chiesto di essere aiutato – spiega – perché non farlo? E’ il modo migliore per affermare il valore della legalità». Le procedure per ottenere le autorizzazioni e l’iscrizione alla Camera di Commercio sono state avviate con l’aiuto della struttura del Borgo Vergini. «Basta con la vita di prima – dice Orlando – devo lavorare e garantire un futuro pulito ai miei figli, a mia moglie». Anche per lui ci sarà uno stand con il gazebo bordeaux che identifica i commercianti riuniti nel Centro Commerciale Borgo Vergini, il primo di 67 mercati tipici della città. E da qui Orlando vuole ricominciare con una vita nuova.

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *