Dall’8 all’11 Novembre Salerno capitale della musica corale

Dall’8 all’11 Novembre Salerno capitale della musica corale
Registriamo in questa rubrica le voci e le attività dei nostri contatti senza alcuna mediazione, verificando soltanto la veridicità delle informazioni trasmesseci. Qualche nostro eventuale intervento avrà il solo scopo di garantire una maggiore chiarezza del messaggio.

[divide style=”3″]Ė stata presentata stamane, presso la Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, la terza edizione del “Salerno Festival”, la rassegna nazionale di cori che si svolgerà su tutto il territorio regionale dall’8 all’11 novembre.
L’edizione 2012 è stata illustrata stamane in conferenza stampa da Annarita Rigo, Responsabile nazionale FENIARCO per il Salerno Festival, Vicente Pepe, Presidente regionale dell’ARCC e da Ermanno Guerra, Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Salerno.
46 cori iscritti (per un totale di 1.042 partecipanti), di cui 16 provenienti da diverse regioni italiane (412 persone) e 30 cori campani (630 persone), cinque cori provenienti dal Lazio, quattro dalla Calabria, due dall’Abruzzo, uno rispettivamente da Emilia Romagna, Piemonte, Puglia, Sicilia e Toscana.
Le formazioni corali, composte da persone di tutte le età, si esibiranno in oltre 25 concerti proponendo un repertorio misto che spazierà dai canti liturgici romano-bizantini alle melodie pop italiane e internazionali, dal popolare tradizionale della nostra nazione al gospel americano. Tutti i concerti saranno a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.
Si comincia giovedì 8 novembre, alle ore 21.00, presso il Teatro Augusteo dove 16 cori si esibiranno nel “Concerto di benvenuto”.
Venerdì 9, alle 19.00, i cori faranno tappa in 8 località per i “Concerti sul territorio”: Atrani (Collegiata di S. Maria Maddalena), Cava de’ Tirreni (Badia della SS. Trinità), Fisciano (Teatro d’Ateneo dell’Università di Salerno) e Portici (Reggia, Sala Cinese) – questi due alle ore 18.00 – Scafati (Teatro S. Francesco), Vallo della Lucania (Teatro La Provvidenza), Vietri sul Mare (Duomo di S. Giovanni Battista) e Salerno (Teatro Augusteo).
Sabato 10 novembre si svolgerà una vera e propria maratona corale durante la quale saranno coinvolte circa 20 location: alle ore 11 i “Concerti aperitivo” e alle 16.30 i “Concerti in città”. Alle 18.30, poi, l’adunata di tutti i cori in Piazza Portanova per l’esecuzione di un canto comune per ringraziare la città, in particolare, e l’intreo territorio in generale per l’accoglienza e l’ospitalità. Successivamente, alle 20.30, il “Concerto di gala” al Teatro Augusteo con l’esibizione di 22 formazioni.
Le novità di quest’anno. Si tratta di due progetti, uno di carattere formativo e l’altro più squisitamente esecutivo. Sabato 10, a partire dalle 9.30 presso l’ex Chiesa di S. Apollonia in via dei Mercanti, si terrà un incontro formativo sul tema “La musica campana di matrice popolare”, con il prof. Matteo Cantarella e l’accompagnamento de I MUSiCANTiCA aperto a cantori, direttori e a tutti gli interessati.
L’altra interessante novità è il “Frijenn Cantann… il canto è libero!” una proposta di esibizione nei luoghi di vita quotidiana, nei luoghi dove il canto è nato ed è giusto che ritorni: in 9 spazi di diversa natura, dai negozi alle case private, dall’ostello alle chiese, sarà possibile per i cori del Salerno Festival cantare liberamente nei diversi momenti della giornata, in una sorta di improvvisazione, divertendosi e facendo divertire il pubblico con la propria voce.
Il Salerno Festival concluderà la sua edizione domenica 11 novembre con la Santa Messa cantata officiata dall’Arcivescovo Metropolita, Monsignor Luigi Moretti, alle ore 12.00 nella Cattedrale di Salerno.
Il Salerno Festival è organizzato da Feniarco, Federazione Nazionale Italiana delle Associazioni Regionali Corali in collaborazione con Arcc, Associazione Regionale Cori Campani e il sostegno del Comune di Salerno, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Provincia di Salerno, Camera di Commercio di Salerno, Salerno Mobilità, Sovraintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici per le province di Salerno e Avellino, Università degli Studi di Salerno, Facoltà di Agraria Università degli Studi di Napoli

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *