De Luca passa “la dogana” pur di sostenere Bersani a Napoli

De Luca passa “la dogana” pur di sostenere Bersani a Napoli

Qualcuno avrà storto il naso vedendo arrivare, questo pomeriggio, il sindaco Vincenzo De Luca (nella foto con Bersani) al Teatro Augusteo di Napoli per la manifestazione pro Bersani. Qualche altro ci sarà rimasto male lo stesso vedendo il sindaco “sceriffo” incassare la cancellazione del suo intervento dal palco napoletano facendo solo dell’ironia sui social network. Ma alla fine il sindaco di Salerno a Napoli c’è andato, il Pd ha cambiato formula dell’evento, prevedendo solo l’intervento di tre ragazzi e poi le conclusioni affidate al candidato Pierluigi Bersani. Insomma se non c’è stato De Luca sul palco, non ci sono stati neanche gli altri, i “napoletani”. Solo ragazzi. In sala c’erano anche l’ex governatore Antonio Bassolino, l’europarlamentare Andrea Cozzolino e i deputati campani.
Ma non sono mancati gli strascichi polemici, soprattutto via internet: Vincenzo De Luca ha postato, infatti, nel pomeriggio una riga su facebook: “Mi sento meglio. Sono in partenza per Napoli. Passerò la dogana…”. Salvo poi precisare sempre sulla sua bacheca: “la dogana di qualche isolato esponente del Pd napoletano, al quale va tutta la mia solidarietà…”. Ma la polemica non si chiuderà sicuramente qui.
Intanto il Comitato Bersani di Napoli – in una nota – «esprime grande soddisfazione per la straordinaria partecipazione alla manifestazione svoltasi al Teatro Augusteo di Napoli». «Ringrazia il segretario nazionale Pier Luigi Bersani per il forte contributo e per la generosità con la quale sta affrontando la campagna per le primarie. Il disturbo alla manifestazione provocato dalla premeditata incursione di gruppi organizzati nulla toglie al valore della partecipazione che la città di Napoli ha dimostrato in un momento di acuta sofferenza sociale ed economica. Lo stimolo offerto da Pier Luigi Bersani ci consentirà di affrontare con maggiore entusiasmo l’ultima fase della campagna elettorale per le primarie, nella convinzione che il 25 novembre sarà una grande festa democratica da parte di centinaia di migliaia di cittadini.
Tornando, invece, alle questioni politiche e all’intervento del segretario dal palco c’è da sottolineare che Pierluigi Bersani guarda oltre le primarie ed anticipa un tema della prossima campagna elettorale per le politiche. «Dobbiamo mettere i piedi sull’economia reale del Paese». Dal segretario del Pd anche un invito agli avversari delle primarie. «Ci mancherebbe che facessimo il fuoco amico, guardate che di gente che non ci vuole ce n’è un bel po’. Il competitore vero – ha aggiunto il segretario del Pd – è la sfiducia». «Non scanniamoci tra di noi – ha concluso Bersani – che poi dopo non ci ammazza nessuno».

m.amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *