De Masi: Amalfitano e Valanzuolo mandati via all’unanimità

De Masi: Amalfitano e Valanzuolo mandati via all’unanimità

Pubblichiamo la cordiale lettera che il presidente della Fondazione Ravello ha inviato al quotidiano online di Ravello “Il Vescovado” (con la risposta del direttore Emiliano Amato) sulla decisione di mandare via il segretario generale Secondo Amalfitano e il direttore artistico Stefano Valanzuolo.

 

143407742-218e6a1c-77df-4d63-841a-64b6e706d5af

Leggo solo ora sul Suo giornale un articolo intitolato “De Masi silura Amalfitano e Valanzuolo”. Mentre la ringrazio per l’attenzione che dedica alle vicende della Fondazione, mi preme correggere la lettera e lo spirito di quel titolo.

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione che ho l’onere di presiedere è composto, oltre che dal sottoscritto, da quattro Consiglieri indicati dai Soci Fondatori (Regione, Provincia, Comune) e dai nove componenti del Consiglio di Indirizzo.

Le decisioni prese nella riunione del giorno 20 a proposito di Amalfitano e Valanzuolo sono derivate dal voto unanime di tutti i componenti, in base a motivi attentamente ponderati. Pertanto quella decisone non può essere attribuita a una singola persona ma è frutto di un lavoro collegiale.

Cordiali saluti.

Domenico De Masi

 

(e.a.) La lettera del presidente De Masi conferma la verità assoluta del nostro tempestivo servizio giornalistico e l’adeguato messaggio del titolo, che è per definizione un blocco di sintesi “tacitiana”. Ovviamente “De Masi” sta per “gestione De Masi”, ma questo è fin troppo chiaro. Cogliamo l’occasione per formulare i nostri auguri al nuovo corso della Fondazione Ravello, cominciato, appunto, con la clamorosa rimozione, all’unanimità, di Amalfitano e Valanzuolo.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *