Dialoghetto semiserio / Favole, metafore e Arbore che sta per Arcore

Dialoghetto semiserio / Favole, metafore e Arbore che sta per Arcore
di Pasquale De Cristofaro

Mia moglie ha purtat’ mia nipote o’ cinema a vedé “La bella addormentata”. Nun ce steve nisciune, manc’ ‘nu criature. La cosa l’è sembrata strana. Doppo na mezz’ora ‘a piccerella s’è addurmuta, ‘o principe azzurro nun asceva maie.
E comm’ aveva ascì. Chill’ nun è ‘a favola, chill’ è nu film ‘e Bellocchio.
‘Nun ‘o ssaccio si teneve bell’uocchie, saccio sulamente che parlava ‘e na guaglione che steve pe’ murì, in coma. Nu film tuoste pure pe’ muglierema ch’è grossa.
Chiste è ‘o guaie ca ‘nun leggite ‘e giurnale. ‘O titolo è ‘na metafora.
E dalle cu sti parole strane. Ch’d’è mo’ ‘na metafora?
E comme t’’o spiego; è ‘na parola ca sta pe’ ‘n’ata. Una similitudine.
Una similitudine. Ma dico io, ce stà la parola adatta perché non la dobbiamo usare?
Va buò, jamm’ annanze ca ‘nun può capì. Si troppo ‘gnorante.
A proposito d’ignoranza ma chiste overo fanno? Niente meno a Napoli hanno coniato una nuova moneta.
Comme si l’euro ‘nun bastava. Ah! Lira, lira mia bella che fine brutta t’hanno fatto fare.
“Potessi avere mille lire al mese…” Belli tiempe. Mo’ so’ a rischio pure ‘e pensione.
‘E pensione?
Allora ‘o bì, si tu che ‘nun liegge ‘e giurnale. Che saccio, l’IMDAP s’è unito cu l’IMPS, L’EMPALS ha ditto: “’E io, che faccio resto sola”; l’IMPS allora ‘ncoppa ‘a mano ha risposto: “No, viene pure tu. Facimmece ‘na bella ‘mucchiata. ‘E chisti tiempe se portano le ammucchiate. E po’ ‘ndò mangiano duie mangiano tre. ‘Nu vide ‘e politici. Si ‘nun fanne almeno ‘na ‘mmucchiata che politici sono.
“Arbore docet”.
Che ce trase mo’ Arbore? Lass’ ‘o sta, chille cante ‘e canzone.
Ma no Arbore, Arbore; scusa vuleve dì, Arcore, Arcore, a casa del caimano. Là si che se facevano belli ammucchiate. Là le ammucchiate se facevano avendo Fede e senza pagà Mora.
A mo’ aggia capito tutte cose. Ad Arcore, ad Arcore, ad Arcore…

Dialoghetti/ La rivoluzione? Macchè, io tengo famiglia

Dialoghetti tra bagnanti/ San Matteo, ‘a mevesa e ‘o Nuschese

redazioneIconfronti

Un pensiero su “Dialoghetto semiserio / Favole, metafore e Arbore che sta per Arcore

Rispondi a Alfonso Liguori Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *