Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Editoriali&Opinioni » Interventi » Dialoghi semiseri / Leader, austerità ed eterni cognati guastafeste

Dialoghi semiseri / Leader, austerità ed eterni cognati guastafeste

Dialoghi semiseri / Leader, austerità ed eterni cognati guastafeste
di Pasquale De Cristofaro

– Maroni al telegiornale ha detto: “Ho fatto pulizia nella Lega, farò pulizia pure alla Regione Lonbardia”. Mia moglie ha sentute e, a coppa ‘a mano, ha ditto: “Embé si stu signore tene tanta voglia ‘e fa’ ‘e pulizie pecché nun ‘o faie venì ‘nu poco a casa nosta, ‘e vetri so’ spurche e io nun ma fiche proprio?”. Io l’aggia risposto: “Ma che hai capito, chille parlave e ‘n ‘atu tipo ‘e pulizie”.
– Certo, è strano assai chell’ che sta succedenne: politici che arrobbano, rottamatori, rottamati, auto blu contro mane, ‘o Celeste che tiene duro, Maroni che dice: “Io, però, ce l’ho piu duro. Nun cupiamme, chiste era ‘nu slogan do’ nuosto.”, D’Alema e Veltroni che fanno un passo indietro, uno si dedicherà alla pesca e un altro se non arriva la candidatura a direttore della Mostra del Cinema di Venezia, finalmente se ne va’ in Africa, la Melandri cu’ ‘a scusa di averlo partorito va al Maxxi, Berlusconi sconfessa il bunga bunga, ha ditto che isso nun ballava pecché aveva fatto ‘nu fioretto in gioventù. Che manicomio.
– Intanto, il governo ha detto che le città dovranno fare a meno delle luci, so’ troppe.
– Overo? Tu che dici? E Vicienzo ‘o sape?
– ‘O sape, ‘o sape. Ma tu ‘o saie comme ‘a pensa: “ …avanti Savoia, chi vene appriesso s’arrangia”.
– “Luci d’artista bel suon d’amor”. Qui lo dico e qui lo nego: chesta è l’Italia.
– “Ridere per non piangere. La radice tragica del comico”. Stammatina parimme duie filosofi. Parlammo comme a due libri scritti.
– Intanto Renzi, va a cena col finanziere che risiede alle Caiman. Bersani ha detto che questo non si fa, pure mia moglie ha detto: “È sconveniente sedersi a tavola cu ‘nu caimano, … e si chille te mange?
– Te mange, te mange, comme se stanne mangianno stu paese.
– Fini e Tulliani la storia infinita. Chi di cognato ferisce di cognato perisce.
– Tu pure tiene ‘nu cognato che ti ha fatto le scarpe?
– Proprio accussì, ‘e capito bravo. Dopo le suocere ‘e peggie so’ ‘e cognate. Capisce a me.

L’Italia, gli italiani, Marchionne, Agnelli e si salvi chi può
Monti, il rigore e tanta nostalgia per la “repubblica” di Arcore…

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3632

Commenti (1)

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto