Home
Tu sei qui: Home » Archivio » Disse che i napoletani puzzano, licenziato giornalista Rai

Disse che i napoletani puzzano, licenziato giornalista Rai

Disse che i napoletani puzzano, licenziato giornalista Rai

 Il giornalista del Tgr Piemonte, Giampiero Amandola è stato licenziato dalla Rai.
Amandola era stato già sospeso per il servizio sul pre partita Juventus-Napoli andato in onda il 20 ottobre scorso, nel quale si lasciava andare a commenti irrispettosi nei confronti dei tifosi del Napoli. Il cronista, secondo quanto si apprende, non risulta essere nell’orario della redazione torinese dalla prossima settimana e pare sia fermamente intenzionato a impugnare il provvedimento: farà causa all’azienda.
Nel servizio messo in onda dal Tgr Piemonte, nell’edizione delle 19:30 dello scorso 20 ottobre, realizzato all’esterno dello Juventus Stadium poco prima della partita di campionato, Giampiero Amandola intervista alcuni tifosi juventini che pronunciano frasi offensive nei confronti di quelli partenopei. Il giornalista, anziché stigmatizzare l’atteggiamento dei tifosi, li incalza con la frase: «si distinguono elegantemente dalla puzza».
Il Comitato di redazione della sede regionale della Rai di Torino si era scusato subito dopo con i telespettatori per gli «apprezzamenti irrispettosi nei confronti dei tifosi napoletani» contenuti nel servizio. Il Cdr aveva anche sottolineato che il collega protagonista dell’episodio aveva riconosciuto «di essere incorso in un incidente dovuto alla fretta con la quale ha dovuto montare il servizio».
Due giorni dopo Amandola era stato sospeso dal servizio.
Nei suoi confronti è stato anche aperto un provvedimento disciplinare dal Consiglio dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, che lo ha sentito nei giorni scorsi.
La notizia del licenziamento del cronista è giunta nel tardo pomeriggio.

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 733

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto