Home
Tu sei qui: Home » Ethos » Domenica su Report “Gli insaziabili” tesorieri di partito

Domenica su Report “Gli insaziabili” tesorieri di partito

Domenica su Report “Gli insaziabili” tesorieri di partito

Belsito, Lusi, Fiorito

Domenica su Raitre, alle 21,30, appuntamento con Report che riaccende i suoi riflettori sulla corruzione della politica italiana, con una puntata intitolata “Gli insaziabili” di Sabrina Giannini.
Il tema è quello dei tesorieri di partito che negli ultimi anni hanno vissuto all’ombra dei loro leader, schivi, sempre poco propensi a rilasciare interviste, tant’è che in molti pensavano che fossero occupati a far quadrare i conti del proprio partito e far sì che i soldi provenienti dai finanziamenti pubblici fossero impiegati esclusivamente per rimborsare le spese elettorali, far funzionare al meglio la macchina del partito, o destinati a nobili iniziative sul territorio. Le cronache di questi ultimi mesi ci hanno raccontato un’altra storia e hanno svelato come alcuni di loro agissero per squallidi interessi personali e che dalle casse del partito attingessero in molti, come fosse la festa della cuccagna. E’ possibile che i tesorieri abbiano agito all’insaputa degli organi di partito? Che quello che è accaduto non fosse prevedibile ed evitabile? L’inchiesta di Sabrina Giannini farà la radiografia ai casi di Luigi Lusi, Francesco Belsito, Franco Fiorito e Vincenzo Maruccio, ma anche ai bilanci dei partiti. Dal racconto emerge che questi casi sono il frutto avvelenato di una strategia bipartisan, di un sistema che è fuori da ogni controllo e che negli anni ha divorato miliardi di euro provenienti dalle tasche e dai sacrifici dei cittadini.
Nel corso della puntata si parlerà anche de “ I candidabili. Fatta la legge…” di Bernardo Iovene. La legge che il parlamento sta per approvare sulla candidabilità dei condannati – si sostiene nella puntata – non è una legge, ma una delega al governo che ha tempo un anno sulla carta e un mese a parola per varare una norma. Poi leggendo la delega si scopre che la norma dovrà avere dei limiti e cioè che i condannati a una pena inferiore a 2 anni si possono candidare. Facendo i conti tra attenuanti, patteggiamenti e prescrizioni, cosa cambia?
La puntata si conclude con la rubrica “C’è chi dice no”. Il relativo servizio è intitolato “Ali Reza Arabnia” di Giuliano Marrucci. Si racconta la storia di un’azienda che finalmente ha deciso di reagire alla crisi investendo tutto l’investibile in innovazione e ricerca. E che quando è ripartita ha restituito ai suoi dipendenti tutti i soldi persi con la cassa integrazione.
I video e la trascrizione integrale di tutte le inchieste saranno online sul sito www.report.rai.it pochi minuti dopo il termine della trasmissione

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 3627

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto