Dudù, Pascale, ‘o Cavaliere e Maria su tutte le furie

Dudù, Pascale, ‘o Cavaliere e Maria su tutte le furie
di Pasquale De Cristofaro
Il regista Pasquale De Cristofaro
Il regista Pasquale De Cristofaro

– Re Giorgio con gran travaglio ha ditt’, “ (…) E’ inutile che facite, stu decreto propeto nun ‘o pzz’ firmà. Ma comme, l’italiane stregnan’ ‘a cinghia e vuie propete nun ‘a vulite fernì cu sti schifezze.”

– Pure ‘e cinque stelle hanno aggiunto ‘a coppa ‘a mane, “… purtatevi ‘e lenticchie e ‘o capitone ca int’ ‘o Parlamento ve facimme fa’ Capodanno.”

– Vutt’ a fernì, ca cca’ nun c’’a facimme cchiù. Nientemeno ‘o fiscalista m’ha presentato ‘o cunto; bisogna pagare l’anticipo dell’IVA presunta per l’anno che trase…

– Sulo chesto? A me doppo ‘nu controllo mi hanno fatto i complimenti perché era tutto a posto ma …

– Ma?…

– Ma, propete pe’ chesto, mi hanno fatto una piccola multa da pagare in dodici comode rate, condicendo che era un’impresa che non aveva utili a sufficienza per essere giustificata.

– Ma tu che dici? Cheste è pizzo legalizzato. E po’ dicene che ‘a gente porta le proprie imprese all’estero.

– Ma dich’io, ‘e tasse ‘e voglio paga’ ed è giusto che si paghino, ma santu Cielo no pe’ fa accattà ‘e mutanda verde o paga’ ‘a cummara a lor signori … Un poco di decenza e chesta che cos’è?

– In tutto questo ‘o Cavliere si è ritirata cu Dudù e Pascale…

– Pascale? Chi è mo’ stu Pascale.

– Pascale, Pascale, ma che ne saccio. Dice che mo’ fa vita ritirata isse cu stu Pascale.

– Ah! Mo’ aggia capito; no, Pascale ma la Pascale. E quella è la sua nuova fiamma. Dopo il Bunga Bunga un po’ di riposo per il guerriero. Pienze sta figliola tiene circa cinquant’anne mancate d’’o giaguaro, il quale perde il pelo ma non il vizio.

– Viata ‘a isso che tene sta salute. Mugliereme l’ata sera me dicette: “Peppì ma non ti piaccio più?” E io le rispunnette: “Marì, non è questione ‘e cheste è che proprio ‘a capa nun ce sta … Capisce a me”. E essa: “ Va buò, va buò aggia capito; mo’ ‘o sai che faccio? Appena ‘o ragioniere abbascie me fa un altro complimento io piglio e te mette ‘e…

– Tu fallo Marì ca io, poi, te rompe ‘e cosce.

redazioneIconfronti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *