Home
Il blog de IConfronti utilizza cookie di servizio e di analisi. Continuando la navigazione accetti l’uso di tali cookie. Più informazioni.
Tu sei qui: Home » Archivio » E’ già iniziato il dopo Monti, Pd e Pdl guardano oltre

E’ già iniziato il dopo Monti, Pd e Pdl guardano oltre

E’ già iniziato il dopo Monti, Pd e Pdl guardano oltre

Sono cominciate al Quirinale le consultazioni dei gruppi parlamentari da pare del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in seguito alle dimissioni del governo Monti. I primi ad incontrare il presidente della Repubblica, alle 10, sono stati i capigruppo del Pdl al Senato e alla Camera, Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto. Alle 10.30 è toccato ai vertici dei gruppi del Pd al Senato, Anna Finocchiaro, e alla Camera Dario Franceschini. Alle 11 salgono al Colle il presidente del Gruppo parlamentare Unione di Centro, SVP e Autonomie (UnioneValdôtaine, MAIE, VersoNord, Movimento Repubblicani Europei, Partito Liberale Italiano, Partito Socialista Italiano) del Senato della Repubblica: Sen. Avv. Gianpiero D’Alia, e il presidente del Gruppo parlamentare Unione di Centro per il Terzo Polo della Camera dei Deputati: On. Dott. Gian Luca Galletti. Alle 11.20 il presidente del Gruppo parlamentare Per il Terzo Polo ApI-FLI-Centro Democratico (ApI-FLI-Centro Democratico) del Senato della Repubblica: Sen. Francesco Rutelli, e il Presidente del Gruppo parlamentare Futuro e Libertà per il Terzo Polo della Camera dei Deputati: On. Dott. Benedetto Della Vedova. Alle 11.40 il presidente del Gruppo parlamentare Lega Nord Padania del Senato della Repubblica, Sen. Federico Bricolo, e il presidente del Gruppo parlamentare Lega Nord Padania della Camera dei Deputati, On. Gianpaolo Dozzo. «Andando alle elezioni con un governo tecnico e non eletto, questo dovrà tenere una collocazione fuori dalle parti». Lo ha sottolineato il capogruppo Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, al termine dell’incontro con il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che ha avviato le consultazioni dopo le dimissioni di Mario Monti. «Abbiamo preso atto della conclusione dell’esperienza di governo. Ricordiamo – ha aggiunto Cicchitto – che noi abbiamo espresso rilievi di merito e non abbiamo presentato una mozione di sfiducia. Il presidente del Consiglio nell’autonomia delle sue valutazioni» ne ha tratto le conseguenze.
Il capogruppo del Pd alla Camera, Dario Franceschini, dopo aver incontrato, con Anna Finocchiaro, il capo dello Stato nell’ambito delle consultazioni ha ribadito che il Pd ha sostenuto «lealmente e fino all’ultimo giorno della legislatura» il governo del professor Monti che va ringraziato «per aver messo la sua personale credibilità al servizio del Paese» ma ora la parola torna «alla sovranità del popolo» che merita una «seconda fase progressista e riformista». Il leader di Sel Nichi Vendola boccia totalmente il premier dimissionario: «Non mi cambia granché se si candiderà direttamente oppure solo col suo nome o se farà un endorsement a favore dei partiti di centro, in ogni caso Monti mette in fila una serie di pessimi risultati».

Informazioni sull'Autore

Numero di voci : 1307

Lascia un Commento

© 2012 iConfronti-inserto di Salernosera (Aut. n. 26 del 28/11/2011). Direttore: Andrea Manzi. Contatti: info@iconfronti.it

Scroll in alto